Connect with us

La Penna degli Altri

24 FEBBRAIO 1991 – Tancredi torna e bacia la Lupa

Published on

LAROMA24.IT (Federico Baranello) – Nell’estate del 1990 Franco Tancredi si trasferisce al Torino per quella che sarà la sua ultima stagione da calciatore. L’estremo difensore saluta il sole della Capitale e approda all’ombra della Mole dopo tredici anni, trecentottantacinque presenze tra i pali, uno Scudetto e ben quattro Coppe nazionali. Nella sua ultima stagione colleziona solo sei presenze in campionato ma il suo ruolo è fare da chioccia a Luca Marchegiani. Inevitabilmente Roma e Torino si affrontano in campionato. La prima da ex si consuma a Torino: la Roma esce sconfitta di misura proprio nella giornata in cui le controanalisi confermano l’esito positivo nella vicenda che diventerà “il caso Lipopill” con protagonisti, in negativo, Carnevale e Peruzzi. Il 24 febbraio 1991 torna da avversario in quella che è stata casa sua per tanti anni, davanti alla sua gente. E la sua gente, a dimostrazione che Franco Tancredi occupa, ancora oggi, un posto importante nel cuore dei tifosi romanisti, la Sud gli dedica due striscioni: Ieri, oggi e domani Franco nel cuore degli ultrà” e Ciao Franco, ben tornato a casa”.

Proprio contro il Torino inizia la leggenda di Tancredi “pararigori” e in questo momento forse il suo pensiero è alla finale di Coppa Italia del 17 maggio 1980 in cui trascina la Roma alla vittoria neutralizzando tre rigori. Oppure a quella dell’anno successivo dove, ormai portiere titolare della Roma, e ancora con il Torino in finale di Coppa Italia rende inefficaci due rigori diventando ancora protagonista.

“Sotto la curva, Tancredi sotto la curva” grida la Sud. Lui ovviamente raccoglie l’invito e mentre si dirige verso i suoi tifosi che lo acclamano, si ferma davanti un raccattapalle al quale bacia il lupetto della sua tuta. La Curva è in visibilio. Lui è emozionato, si commuove. Applaude. Poi si accomoda in panchina; ormai non è più un numero “Uno”, ormai è un “Dodici”.

Durante la partita si emoziona nel guardare e sentire la curva. I cori sono anche per l’allenatore del Torino Mondonico, cui la Sud chiede gentilmente “Fai entrà Tancredi, Emiliano fai entrà Tancredi”. Dirà l’ex numero uno giallorosso: “Per fortuna non se n’è fatto niente, non so proprio come avrei potuto reagire”.

A fine partita si aggira per la sala stampa e, mentre i compagni sono sconsolati per aver perso 2 – 0 (Aldair e Voeller con cucchiaio su rigore), lui commosso dichiara: “Sono la persona più felice del mondo, alla faccia di chi ci chiama mercenari. Invece anche noi calciatori siamo capaci di legarci per sempre ad un gruppo, a una bandiera. Peccato che a questa festa sia mancato proprio lui, il Presidente (riferendosi ovviamente a Viola scomparso il mese precedente)………. A Settembre vado in pensione e mi ritroverete qui con la bandiera della Roma” (Cit. Stampa Sera, 25 febbraio 1991).

Compila il form sottostante ed iscriviti alla newsletter de Gli Eroi del Calcio.

Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

più letti

Copyright © 2019 | GliEroidelCalcio.com testata giornalistica registrata Tribunale di Roma - N° 90/2019 del 20-06-2019
Direttore Responsabile Federico Baranello | Editore Associazione Culturale Calcio, Cultura e Società | info@glieroidelcalcio.com
Sito aderente al Network OK!News24.it - Sindimedia Srl P.I 06259740485 | Privacy Policy | Cookie Policy

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: