Connect with us

La Penna degli Altri

22 luglio 1982, nasce la “maglia bandiera”!

Published on

WWW.SSLAZIOFANS.IT (Stefano Greco) – Dopo l’incredibile successo dell’operazione-nostalgia fatta due anni fa dalla Macron in accordo con la Lazio, quest’anno torna la “maglia bandiera”. Ma quando si parla della “maglia bandiera”, quella con l’aquila stilizzata sul petto e sulle maniche, la mente di tutti i laziali della mia generazione vola alla “Banda del meno nove”, alla stagione 1986-1987 e all’incredibile impresa compiuta da Eugenio Fascetti e dai suoi ragazzi. È inevitabile, è vero, ma quella è stata la seconda versione di quella maglia che è stata presentata per la prima volta ufficialmente al pubblico il 22 luglio del 1982 al Circolo Canottieri Lazio, in una serata di grandissima Lazialità.

La Lazio si è appena salvata dalla retrocessione in Serie C grazie alla tripletta realizzata da Vincenzo D’Amico, la gestione-Lenzini è stata definitivamente archiviata e la nuova società guidata da Gian Chiarion Casoni decide di dare una scossa all’intero ambiente, di riallacciare quel cordone ombelicale tra la squadra e i tifosi che si era sfilacciato dopo la promozione sfumata nel 1981 con quel rigore sbagliato da Chiodi contro il Vicenza e con la disastrosa annata successiva che aveva portato all’esonero di Castagner e al disastro evitato solo dalle prodezze di Vincenzino D’Amico. Una dimostrazione dello scollamento tra società, squadra e tifosi si è visto proprio nella domenica in cui Vincenzino D’Amico ha confezionato quel piccolo miracolo: poco più di 5000 tifosi sugli spalti, con la partita disertata anche dagli abbonati. Il neo presidente capisce che bisogna partire da zero o quasi, cambiare i giocatori ma anche l’immagine della società e il look della squadra. Così, con l’aiuto di alcuni amici Gian Chiarion Casoni fa realizzare una maglia rivoluzionaria, mai vista né in Italia né in nessun’altra parte del mondo, con un’aquila che con le ali spiegate che abbraccia tutta la maglietta, lasciando spazio solo dietro le spalle per il numero. Niente più marchio Adidas ma NR, niente più sponsor Tonini sul petto ma Seleco, ottenuto grazie all’abilità di Antonio Sbardella che ha concesso al cavalier Mazza (proprietario dell’Udinese e al tempo stesso del colosso industriale Zanussi) un’opzione su un’eventuale cessione di Giordano in cambio di una ricca sponsorizzazione biennale. Già, Giordano…

Bruno e Lionello quel 22 luglio sono ancora squalificati, ma quella sera anche loro finalmente sorridono dopo due anni in cui hanno avuto ben pochi motivi per sorridere. Il titolo mondiale appena conquistato dall’Italia di Bearzot al Bernabeu contro la Germania, ha convinto la Federcalcio a chiudere la vicenda del primo scandalo del calcio-scommesse con un mini-condono, con uno sconto della pena che può consentire anche a Giordano e Manfredonia di tornare subito in campo e alla Lazio di entrare di diritto tra le favorite alla promozione in Serie A. Acquistati Ambu, Podavini, Tavola e Vella, ripreso Perrone (dopo un anno in prestito alla Roma), con Giordano e Manfredonia in organico la Lazio diventerebbe a pieno titolo la vera protagonista del campionato, insieme al Milan appena retrocesso dalla Serie A, ma questa volta sul campo e non a tavolino. Quella sera, quindi, al Circolo Canottieri Lazio c’è un’atmosfera strana, da grande evento ma al tempo stesso di grande attesa, con tanti laziali. Primo fra tutti Fulvio Bernardini, nato e cresciuto nella Lazio prima di diventare il capitano della Roma, per poi tornare a casa da allenatore per vincere il primo trofeo laziale della storia: la Coppa Italia del 1958. C’è Monica Vitti che non ha mai nascosto le sue simpatie laziali, come Castellano&Pipolo, la coppia di registi e autori più famosa dell’epoca. Ma, soprattutto, ci sono tantissimi tifosi, perché quella nuova maglia è stata studiata da Gian Chiarion Casoni proprio per riallacciare il rapporto tra la squadra e la sua gente.

Abbiamo avuto fare una festa aperta a tuttiperché la Lazio deve essere amata da tutti. Vicino alle personalità e al presidente della Regione Santarelli, abbiamo voluto i tifosi che sono la vera forza della squadra, quella forza che ci consente di andare avanti e anche di sopravvivere. Noi abbiamo bisogno dei tifosi e speriamo che non tradiscano le nostre aspettative”.

Sono parole vere e sentite quelle del presidente, non di circostanza, anche perché prima di essere l’uomo che regge le sorti della società, Gian Chiarion Casoni è il primo tifoso della Lazio, a cui ha dedicato tutta la sua vita: da commissario straordinario in momenti difficili, poi da presidente, ma anche da massimo dirigente di altre sezioni della Polisportiva, come la squadra di pallavolo e della pallamano che sotto la sua guida approdano in Serie A.

Oltre ad essere un grande presidente, Gian Chiarion Casoni è uno che guarda avanti. Perché quella maglia avveniristica, è anche un esperimento di marketing, in un periodo in cui in Italia quella parola è sconosciuta o quasi nel mondo del calcio. Non esistono le maglie personalizzate, non esistono gadget ufficiali, quindi la presentazione di quella maglia e di quell’aquila stilizzata riprodotta anche sulle bandiere, le sciarpe e su un’altra serie di prodotti marchiati Lazio è una novità assoluta nel calcio italiano. Ma, soprattutto, è la bellezza e la modernità di quella maglia a lasciare tutti a bocca aperta. La NR produce tre modelli: quello principale con la maglia metà bianca e metà celeste con l’aquila blu al centro, poi le due maglie da trasferta, una tutta rossa con l’aquila celeste e una tutta verde con l’aquila bianca. Quella bianca e celeste fa il suo  esordio ufficiale in campionato il 12 settembre del 1982, all’Olimpico, in occasione di un deludente 0-0 contro il Campobasso. La domenica successiva, per scaramanzia, la Lazio gioca a Como con la maglia verde speranza, ma colleziona un altro 0-0. Con quella rossa, invece, in campionato la Lazio non ci ha mai giocato in quella stagione. Ci gioca solo un’amichevole al Flaminio contro la nazionale Under 21 allenata da Vicini, in cui giocano Giordano e altri futuri laziali come Icardi, Poli, Paolo Monelli, Galderisi e Roberto Mancini, ma anche Dossena, Mauro, Ferri, Evani, Dario Bonetti e Caricola. Finisce 1-1, con il gol dell’Under 21 segnato da… Bruno Giordano.

Con quella maglia con l’aquila sul petto, la Lazio conquista la Serie A all’ultima giornata, pareggiando a Cava dei Tirreni. In quella stagione sofferta ma fantastica, anche grazie a quella maglia rimasta nel cuore di tutti, la Lazio riconquista la sua gente, stabilendo quello che ancora oggi è il record di presenze del campionato di Serie B in un Lazio-Milan del 19 dicembre del 1982, con 68.000 spettatori pagati. Record avvicinato il 5 giugno alla penultima partita di campionato in occasione della sfida-spareggio con il Catania, con 65.000 spettatori paganti e più di 10.000 catanesi che hanno occupato quasi tutta la Curva Sud dell’Olimpico.

Numeri impensabili per la Lazio di oggi, numeri che a Roma non si fanno più neanche in occasione di un derby e che non ha fatto la Roma neanche in occasione della sfida con il Liverpool in Champions League, a dimostrazione che quel filo tra la gente e le squadre nella Capitale non si è del tutto staccato ma si è allentato di molto. Anche se ai tifosi basta poco per riaccendere quel sacro fuoco. Basta un gesto, magari anche solo rivedere quella maglia bandiera come  successo nella stagione 2014-2015.

Ma come ha fatto la Lazio di oggi dopo quell’esperimento riuscitissimo di qualche anno fa, anche la Lazio di allora con Chinaglia presidente decide di non riproporre quel marchio di proprietà della famiglia Casoni l’anno successivo, così di quella aquila rimane solo una piccola traccia sulle spalle dei giocatori, sopra al numero, con il davanti occupato solo dallo sponsor Seleco. L’aquila torna solo tre anni dopo, in uno dei momenti di maggiore difficoltà della Lazio. E per i tifosi è nuovamente amore a prima vista, sia con la maglia che con Fascetti e i giocatori che la indossano e che, con le loro imprese sul campo, la rendono leggendaria, immortale.

Vai all’articolo originale

Continue Reading
Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Podcast: La Voce della storia

più letti

Copyright © 2019 | GliEroidelCalcio.com testata giornalistica registrata Tribunale di Roma - N° 90/2019 del 20-06-2019
Direttore Responsabile Federico Baranello | Editore Associazione Culturale Calcio, Cultura e Società | info@glieroidelcalcio.com
Sito aderente al Network OK!News24.it - Sindimedia Srl P.I 06259740485 | Privacy Policy | Cookie Policy

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: