Connect with us

Storie di Calcio

6 gennaio 1969 – Muore Gipo Viani

Published

on

GLIEROIDELCALCIO.COM (Federico Baranello) -“Giuseppe Viani, uno dei più noti tecnici del calcio italiano, è morto questa notte in un albergo di Ferrara, stroncato da infarto. Aveva 59 anni. Viani si era recato a Ferrara ieri sera, in auto, proveniente da Udine dove aveva seguito l’incontro di serie C fra l’Udinese (la squadra affidata alla sua guida tecnica) ed il Piacenza. Nella giornata di ieri Viani aveva accusato un attacco febbrile, con pressione bassa e pulsazione elevata: il medico sociale dell’Udinese lo aveva infatti sconsigliato dall’assistere alla partita. Ma il tecnico aveva voluto seguire la gara, conclusasi con la vittoria del Piacenza per 2 a 0. Subito dopo era salito in auto per raggiungere Bologna, dove oggi avrebbe dovuto incontrarsi con alcuni dirigenti della società rossoblù: giunto a Ferrara verso le 23,30, dopo una sosta a Padova, Viani si fermava per trascorrere la notte.

In albergo, Viani si è ritirato in camera verso la mezzanotte chiedendo di essere svegliato stamane alle nove: questa mattina è stato trovato cadavere, a letto, dall’inserviente che aveva bussato alla porta per svegliarlo. La morte, secondo il dottor Alberto Mascellani, accorso per primo al capezzale di Viani, è stata causata da infarto: il decesso dovrebbe essere avvenuto verso le sette…” (Cit. La Stampa, 7 gennaio 1969).

Così il quotidiano “la Stampa”, cinquant’anni fa, iniziava l’articolo dedicato alla notizia della scomparsa di Gipo Viani avvenuta il 6 gennaio 1969.

Giuseppe Ferruccio Viani, detto Gipo, nasce a Treviso, il 13 settembre 1909. Il padre era direttore di banca e la mamma faceva parte di una nobile famiglia veneziana. I genitori volevano che diventasse un veterinario, ma lui desiderava diventare avvocato. Nessuno, lui per primo, aveva fatto i conti con la sua grande passione: il calcio. Lasciati i libri cresce calcisticamente nelle file dell’Olimpia di Treviso e poi nel Treviso. Ceduto all’Ambrosiana esordisce in Serie A il 6 ottobre 1929 in Ambrosiana-Livorno (2-1) e nella stessa stagione si laurea Campione d’Italia. Cambia ruolo e da attaccante si trasforma in centromediano, iniziando così una splendida carriera. Dopo sei stagioni in maglia nerazzurra, approda alla Lazio, poi al Livorno e alla Juventus. Chiude con il calcio giocato nel Siracusa e nella Salernitana.

Come è spesso capitato, è nelle vesti di allenatore che ebbe i maggiori successi, contribuendo a scrivere pagine importanti nel calcio italiano anche sotto il profilo tattico, inventando, si dice, la tattica che da lui prende il nome, il “vianema”, un arretramento di un attaccante a centrocampo per consentire ad un mediano di aiutare la difesa.

Contribuisce, insieme a Rocco, a far vincere tre scudetti e una Coppa dei Campioni al Milan, quella del 1963. Un uomo descritto come duro, impetuoso che arriva a “governare” anche il calcio mercato: nulla si muove se non passa da lui.Incappa in un paio di incidenti automobilistici molto gravi che ne segnano il fisico e la carriera, in una vita avventurosa e a “cavallo” del calcio italiano per quarant’anni. Un calcio che ancora oggi non lo ha dimenticato.

Compila il form sottostante ed iscriviti alla newsletter de Gli Eroi del Calcio.

Classe ’68, appassionato di un calcio che non c’è più. Collezionista e Giornalista, emozionato e passionale. Ideatore de GliEroidelCalcio.com. Un figlio con il quale condivide le proprie passioni. Un buon vino e un sigaro, con la compagn(i)a giusta, per riempirsi il Cuore.

più letti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: