Connect with us

Storie di Calcio

Schnellinger compie 80 anni e ricorda la sfida di Messico ’70: «Pareggiai al 90′ e iniziò la leggenda»

Published

on

GLIEROIDELCALCIO.COM – L’ex Milan Karl-Heinz Schnellinger, domani compie 80 anni. Terzino arcigno dal fisico robusto, non a caso soprannominato “Volskwagen”, è infatti nato a Duren il 31 marzo 1939 e ha rilasciato un’intervista al Il Giornale dove ripercorre la sua vita e torna a parlare della “partita del secolo” che proprio lui ha contribuito a far diventare tale. Infatti al 90′, con il suo primo e unico gol con la nazionale tedesca, pareggia il gol di Boninsegna e consegna la partita a quei supplementari entrati nella leggenda del calcio.

“Tutti i professori odiavano il calcio” dice a Il Giornale, “Quando mi chiamavano alla lavagna e non sapevo rispondere mi dicevano: vedi? É il calcio che ti rovina…Alla maturità ho dovuto fare una scelta. … Ho giocato a pallone, vinto tanto, visto il mondo. Mi hanno voluto bene e rispettato ovunque. Va bene così».

Eh si, il suo palmares è invidiabile: un campionato tedesco con il Colonia, quattro Coppe Italia di cui una con la Roma e tre con il Milan e poi ancora con i rossoneri uno scudetto, una Coppa delle Coppe, una Coppa dei Campioni e una Coppa Intercontinentale.

«Best, Cruijff, Pelè. Ma il migliore è stato Di Stefano. Era nel Duemila negli anni ’50» continua l’ex Milan, e riferendosi a Italia-Germania 4-3 dice “… è una partita eterna. Io sarò per sempre quello che l’ha creata. È un dono di Dio. Avevo visto sull’orologio dello stadio che il tempo era scaduto e mi sono detto: che cavolo ci stai a fare in difesa? Volevo evitare il casino di fine partita. Invece mi sono trovato tra i piedi la palla di Grabowski. Mi sono trovato seppellito dagli abbracci dei miei. Quando mi sono rialzato non ho avuto il coraggio di guardare negli occhi Rosato”. E gli altri? “Mi mandarono a fanculo”. Anche Rivera? “Mi disse: ma sei matto? Alla fine ho voluto la sua maglia e lui la mia. Sono andato anche negli spogliatoi a salutarli. Sono stato l’unico”.

Su Rocco: “Se andavo in attacco mi tagliava le palle… Però Rocco è stato come un padre per me. Sul piano umano nessuno è stato come lui”.

È sempre tifoso del Milan? “Tifoso e innamorato. Soffro se non vince anche se da tedesco non lo faccio vedere”.

Vai all’articolo integrale 

 

Compila il form sottostante ed iscriviti alla newsletter de Gli Eroi del Calcio.

più letti

CONSENSO COOKIE

Copyright © 2019 | GliEroidelCalcio.com testata giornalistica registrata Tribunale di Roma - N° 90/2019 del 20-06-2019
Direttore Responsabile Federico Baranello | Editore Associazione Culturale Calcio, Cultura e Società | info@glieroidelcalcio.com
Sito aderente al Network Sport Review Srl | Privacy Policy | Cookie Policy

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: