Connect with us

La Penna degli Altri

Goal di Notte collection, i primi 40 anni del programma tv cult. Plastino: «Io laziale, con Viola nel cuore»

Published on

LEGGO.IT (Marco Esposito) – In principio fu il calcio inglese, Football Please. Erano i mitici anni 80, e la Premier League si vedeva su Teleroma56. Le maglie bellissime, gli stadi affascinanti, le atmosfere impareggiabili. Appuntamento imperdibile per ogni appassionato di pallone. L’uomo che rendeva possibile tutto ciò è una vecchia conoscenza della televisione locale romana: Michele Plastino. [… Il suo nome, comunque, è legato indissolubilmente a Goal di Notte, trasmissione che ha fatto la storia della tv locale e non solo. Recentemente ha festeggiato 40 anni di messa in onda: la trasmissione sportiva più longeva della storia della tv, dopo la Domenica Sportiva della Rai.

[…] Partiamo dalla Roma.
«Mi viene in mente la maratona televisiva che feci quando la Lazio stava per fallire. Dopo 27 ore di diretta mi chiamò il presidente della Roma Dino Viola per dirmi che gli sarebbe piaciuto fossi stato tifoso della Roma, ma che per 27 ore lui era diventato un tifoso della Lazio. Mi commossi».
L’immagine più divertente?
«La puntata con Platini e Boniek, in pieni anni 80. In quel periodo vennero anche Maradona, e Falcao più di una volta. Ma c’è anche un’altra immagine che porto nel cuore anche se non è legata a Roma e Lazio; forse addirittura è la più emozionante».
Quale?
«L’attesa del primo scudetto del Napoli nel 1987, una trasmissione fatta con la città».
[…] Le faccio tre nomi del calcio romano degli anni 80. Ci racconti un aneddoto su di loro. Iniziamo da Niels Liedholm.
«Era magico, in tutti i sensi. Una volta mi presentò il suo mago. Una volta, prima di un derby, il mago consigliò al Barone di far giocare Renato. Il mago involontariamente mi passò la notizia, e allora io feci un po’ il laziale, chiamai subito il mister dei biancocelesti Materazzi, e lui schierò Beruatto. Era sicuro che Renato Portaluppi non l’avrebbe mai seguito in fase difensiva. Così accadde e grazie a quella mossa la Lazio vinse 1-0».
Falcao?
«Un grande campione. Veniva spesso a Goal di Notte, ma non ha mai voluto alcun compenso. Mi era grato perché facevo lavorare il suo amico Pato. Per scherzare gli dicevo sempre: «Sei troppo signore per essere romanista, sotto sotto sei della Lazio».
Vincenzo D’Amico?
«Un fratello»
Quarant’anni di Goal di Notte, significano quarant’anni di storia di Roma e Lazio. Chi più di tutti rappresenta le squadre romane?
«Per la Lazio, sicuramente Vincenzo D’Amico. Per la Roma dico Agostino Di Bartolomei. Mi fece fare il film sullo scudetto della Roma del 1983. Poi ne ho fatti altri, come quello sull’addio al calcio di Bruno Conti. Ma quello fu il primo, e che fosse il capitano della Roma a chiedere che lo facessi io, per me ha un valore inestimabile. Non lo dimentico». […]

Vai all’articolo originale

Continue Reading
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

più letti

Copyright © 2019 | GliEroidelCalcio.com testata giornalistica registrata Tribunale di Roma - N° 90/2019 del 20-06-2019
Direttore Responsabile Federico Baranello | Editore Associazione Culturale Calcio, Cultura e Società | info@glieroidelcalcio.com
Sito aderente al Network OK!News24.it - Sindimedia Srl P.I 06259740485 | Privacy Policy | Cookie Policy

WP-Backgrounds Lite by InoPlugs Web Design and Juwelier Schönmann 1010 Wien
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: