Connect with us

Storie di Calcio

Loris Boni ricorda Carlo Petrini

Published

on

GLIEROIDELCALCIO.COM (Federico Baranello) – Un post su Facebook di Loris Boni di qualche giorno fa conteneva una foto che ritraeva Boni stesso insieme a Carlo Petrini. Un pensiero accompagnava l’immagine:

“Ciao Carlo… non ho mai avuto bisogno di leggerti per sapere… non ho mai ascoltato chi criticava… non ho mai ascoltato chi rinnegava, io ti ho conosciuto prima di tanta gente e forse ho un piccolo rimpianto …“, segue un cuore rosso.

Il post ci emoziona subito, ci incuriosisce e ci mettiamo in contatto quindi con Loris Boni: un messaggio, un appuntamento e infine la telefonata. L’ex calciatore è sempre molto gentile e disponibile. Cominciamo analizzando la foto… “Siamo al Centro Medico Sportivo dell’Acqua Acetosa a Roma, stiamo facendo le visite mediche. Siamo entrambi appena arrivati nella capitale. È l’estate del 1975”, ci dice l’ex calciatore.

Un mercato, quello a tinte giallorosse, i cui acquisti quell’anno sono proprio solo Boni e Petrini, gli unici indispensabili per la dirigenza giallorossa per ripetere l’exploit del terzo posto della stagione precedente. Purtroppo non sarà così…

Torniamo al post e alle frasi che lo compongono, facendocele spiegare da Boni…

 … “…non ho mai avuto bisogno di leggerti per sapere…”…

“Vero… ha detto e raccontato cose che nel mondo del calcio dicevano in tanti, cose che si sentivano in sottofondo. Questo non significa che io o i miei compagni nelle varie squadre in cui ho giocato facevamo uso di sostanze strane. Ma in un calcio come quello dell’epoca c’era molta “ignoranza” da parte di noi stessi calciatori. Spesso non si chiedeva nemmeno ciò che ci veniva dato. E in questo modo era facile dare “qualcosa” a qualcuno senza che se ne accorgesse nemmeno.”

… non ho mai ascoltato chi criticava… non ho mai ascoltato chi rinnegava…

“In molti, quando ha trattato determinati argomenti, quelli scottanti come anche il calcio scommesse, gli davano ragione in privato salvo defilarsi poi in pubblico.

…io ti ho conosciuto prima di tanta gente e forse ho un piccolo rimpianto …

“Abbiamo avuto un buon rapporto, nel nostro unico anno insieme a Roma. Poi siamo rimasti in contatto. Ho seguito le sue vicissitudini, mi hanno fatto stare male. Anche dal suo esilio forzato mi chiamava e mi diceva della sua sofferenza, per la famiglia e i figli. Forse questo il mio rammarico, non averlo potuto aiutare in un momento delicato della sua vita. Era lontano da me e da tutti”.

Loris Boni si ferma, prende tempo… poi riprende, forse con più malinconia… ”Carlo è stato un uomo che ha sofferto molto. Pensate solo la sua non presenza al funerale del figlio Diego… Avrà fatto degli errori, avrà sbagliato … ma ha sofferto le pene dell’inferno”.

Diego, “Quel figlio che oggi è rimasto dentro di me come un coltello piantato”, si legge sul libro di Petrini “Nel fango del Dio pallone”.

C’è poi, ovviamente, il calciatore Petrini… “Liedholm credeva molto in lui, lo curava in maniera molto particolare durante gli allenamenti. Un giocatore dal fisico pauroso, statuario. Buon mancino, grande colpitore di testa, generoso. Correva molto e sbagliava anche molto. Ricordo quel Roma Sampdoria (n.d.r. 14 dicembre 1975) in cui si rese protagonista di un gesto rimasto nella storia: dopo essersi “mangiato” una serie di gol più o meno facili, guadagnò il centro del campo per chiedere scusa a tutto lo stadio. Poco dopo segnò il gol vittoria”.

Loris Boni si fa più serio e prima di congedarci esclama: “Carlo, stiamo più vicini… Questo gli direi se fosse ora qui”.    

 

                  

Compila il form sottostante ed iscriviti alla newsletter de Gli Eroi del Calcio.

Classe ’68, appassionato di un calcio che non c’è più. Collezionista e Giornalista, emozionato e passionale. Ideatore de GliEroidelCalcio.com. Un figlio con il quale condivide le proprie passioni. Un buon vino e un sigaro, con la compagn(i)a giusta, per riempirsi il Cuore.

più letti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: