Connect with us

La Penna degli Altri

Ivano Bordon: «Il mio sogno diventato vita: da Marghera all’Inter»

Published

on

ILGAZZETTINO.IT (Marco Bampa) – Ivano Bordon, ha rilasciato un’intervista a Il Gazzettino, di seguito alcuni passaggi:

[…] Chi la scoprì tra tanti giovani promettenti?
«Fu Elio Borsetto, quando giocavo nella Juventina Marghera, prima mi aveva portato a giocare nella Miranese, fino a quando mi presero all’Inter. Avevo 15 anni, dentro c’era la passione, non pensavo di farne una professione. I primi furono anni difficili, lontano dalla famiglia, vivevo nel pensionato: non era facile».
Allievi, Primavera poi in prima squadra. Esordio folgorante a 19 anni: scudetto al primo anno nel 71 e debutto nientepopodimeno nel derby col Milan. Perso 3-0, però
«Entrai già sull’1-0 perché si era fatto male Vieri. Presi gol da Rivera su rigore, poi un altro me lo fece Villa. Ma la sconfitta passò in secondo piano, rispetto all’enorme soddisfazione di aver debuttato in serie A».
La consacrazione internazionale arrivò nel 72 nella famosa sfida col Borussia Mönchengladbach negli ottavi di Coppa Campioni, passata alla storia per il caso della lattina…
«Eravamo già sotto 5-1, io sedevo in panchina. Invernizzi, che fu il mio scopritore, a un certo punto mi disse scaldati che entri, ma l’atmosfera era strana, perché Boninsegna era stato colpito in testa dalla lattina. L’Inter era già forte, ma di fronte avevamo in pratica la nazionale tedesca dell’epoca: presi gol su rigore, un altro me lo fece Netzer. Poi, grazie alla magia dell’avvocato Prisco, il match fu annullato e nel frattempo a Milano avevamo vinto 4-2».
Nel ritorno, giocato apposta dai tedeschi a Berlino per avere più pubblico, fischiavano metaforicamente le pallottole nella sua area. Ma non passò neanche uno spillo, giusto?
«Finì 0-0. Parai di tutto, anche un rigore dopo un quarto d’ora. Da poco sono riuscito ad avere la partita in dvd e me la sono rivista: ci sono state almeno 12 uscite alte, pulite ed altre cinque-sei parate difficili. A distanza di anni mi emoziono ancora a rivederle».
[…] Lasciò l’Inter nell’83, dopo 17 anni di onorato servizio (281 partite, 2 scudetti e 2 Coppe Italia): ma fu un addio amaro, giusto?
«L’Inter ce l’ho dentro, mi ha cresciuto come giocatore e come uomo. Non mi aspettavo, quando ero prossimo alla svincolo, di non essere riconfermato. Non venni trattato bene, mi faceva girare le scatole all’epoca che mi facessero passare da mercenario, invece la verità era un’altra. Non avevo procuratore, nei colloqui non furono chiari con me, bastava mi dicessero che avevano altri progetti. Anche perché»
Anche perché?
«A gennaio c’era una società che mi aveva chiesto all’Inter assieme ad Oriali: era la Juventus, ma i dirigenti nerazzurri dissero no e la tirarono in lungo per il rinnovo. Alla fine parlai con la Juve, ma nel frattempo avevo raggiunto un accordo con la Samp e non volli venire meno alla parola data. Ma potevo andare alla Juve, questo sì». […]

Vai all’articolo originale

Compila il form sottostante ed iscriviti alla newsletter de Gli Eroi del Calcio.

più letti

CONSENSO COOKIE

Copyright © 2019 | GliEroidelCalcio.com testata giornalistica registrata Tribunale di Roma - N° 90/2019 del 20-06-2019
Direttore Responsabile Federico Baranello | Editore Associazione Culturale Calcio, Cultura e Società | info@glieroidelcalcio.com
Sito aderente al Network Sport Review Srl | Privacy Policy | Cookie Policy

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: