Connect with us

Storie

Scudetto 1925 – Carlo F. Chiesa, giornalista e storico del Bologna, chiede alla Fondazione Genoa: “Vi sta a cuore la verità storica?”

Published on

GLIEROIDELCALCIO.COM (Federico Baranello) – La discussione intorno lo scudetto del 1925 continua, e si fa strada a colpi di “storia” … dapprima il video della finalissima di Lega Nord pubblicato sul sito del Bologna FC e conseguente invito per un dibattito pubblico rivolto alla Fondazione Genoa. Una prima risposta è arrivata, seppur a titolo personale, da Giancarlo Rizzoglio del Comitato Storico Scientifico del Museo del Genoa, che proprio ai nostri microfoni ha espresso la sua opinione relativamente al video e si è espresso sull’opportunità del dibattito pubblico (Vedi la nostra intervista).

Ora è la volta del Bologna e lo facciamo con Carlo Felice Chiesa, giornalista professionista, autore di diversi testi storico/sportivi tra cui “Bologna 1925. Fu vera gloria”, (Edizioni Minerva).

Mi sono assunto il compito di ripristinare la verità e riconsegnare dignità a quella squadra, che il campionato lo disputò in maniera regolare e vi trionfò con pieno merito, così parlava Chiesa lo scorso anno durante la presentazione del libro.

Il Bologna, ricordiamolo, vinse il suo primo scudetto il 23 agosto 1925, battendo 2-0 nella capitale l’Alba Roma nella gara di ritorno. La finale di Lega Nord tra Genoa e Bologna fu però molto discussa, ci vollero ben 5 partite (tra cui una non omologata), e a distanza di novantacinque anni le polemiche non si placano.

“Questo video aggiunge molto a chi cerca la verità storica”, esordisce Carlo Felice Chiesa, “In primis è un reperto eccezionale, un video di una nitidezza unica… un arricchimento per tutti noi. Dispiace non averlo visto prima. Inedito o meno ha poca importanza… certo non è stato a suo tempo molto pubblicizzato dalla Fondazione Genoa. Si può notare il clima di serenità che avvolge la scena tutta, i due allenatori, Garbutt e Felsner, che conversano l’uno accanto all’altro, intorno pochi carabinieri col pennacchio, poche persone e dai tetti e balconi delle case circostanti si scorgono appassionati che si godono la partita. Immagini storiche ed emozionanti. Il guardalinee che abbandonata la giacca rimane in canottiera… l’inquadratura del secchio con i tre sifoni del Seltz. Anche vedere il trentanovenne Vittorio Pozzo, che entra alla testa degli altri giornalisti… insomma, una emozione vera”.

Chiesa è molto preso dal racconto del documento filmato… fa un respiro profondo e prosegue con tono più battagliero… “Sono stupito dello stupore che la Fondazione Genoa ha manifestato per la definizione di “parzialmente inedito” di questo video. Mi sembra un dettaglio poco rilevante rispetto a quanto ho scritto nel mio libro in cui, punto per punto, ho confutato le tesi della Fondazione Genoa, dirette a ottenere la modifica, con il riconoscimento dell’ex aequo da parte della Federcalcio, dell’Albo d’Oro del nostro massimo campionato. Io non ho confutato qualcosa, un particolare, una data, un fatto… io ho confutato praticamente tutto, punto per punto, con atti e documenti d’epoca. Ora, delle due l’una, come si suol dire: di fronte a contestazioni così circostanziate e documentate si può reagire ammettendo di avere sbagliato e facendo un passo indietro rispetto alla richiesta alla Federcalcio, oppure persistere nel ritenere di avere ragione e allora confutare la confutazione, controbattendo punto per punto. Invece dalla Fondazione Genoa è arrivata una terza via: un silenzio assordante e la perseveranza nella richiesta di ex-aequo. Poi ho letto le dichiarazioni di Rizzoglio da voi pubblicate, che sono comunque a titolo personale, come da sua precisazione”.

Chiesa torna su tali ultime dichiarazioni, appunto, di Giancarlo Rizzoglio, “Tutte le mie ricostruzioni partono da documenti. Circa la regolarità iniziale dell’incontro del 7 giugno 1925, ci viene in soccorso l’articolo della Gazzetta a firma Mario Zappa, che, tra le altre dichiarazioni dell’Avv. Mauro, arbitro dell’incontro, registra il suo pensiero dopo la gara in questi termini: “…Tenuta presente la sua pregiudiziale sulla irregolarità dell’incontro, ha concesso il punto reclamato da parte del pubblico che aveva invaso il campo, e non ha sospesa la partita per deferenza verso persona facente parte della presidenza federale che l’ha pregato di portare a termine il match…”. Questo è un fatto, non comprendo perché Rizzoglio vi contrapponga la sua “opinione” secondo cui tale assunto sarebbe “sbagliato”.

Chiesa continua sull’altro punto sollevato da Rizzoglio, e cioè il fatto che lo stesso arbitro avrebbe detto al Capitano del Genoa De Vecchi che ormai si trattava di un incontro pro-forma… “Anche qui c’è un fatto preciso”, prosegue il nostro interlocutore: “lo stesso Renzo De Vecchi, che diventò giornalista dopo aver dato l’addio al calcio, sulle colonne del “Calcio Illustrato” nel 1941 dedica tre puntate all’accaduto, sotto il titolo: “Le cinque finali. Bologna-Genoa 1925”. E qui De Vecchi non cita alcuna dichiarazione fatta dall’arbitro Mauro a lui e all’altro capitano Della Valle dopo la convalida del gol di Muzzioli, se non che “… Esaurito il tempo normale, l’arbitro ci richiamò, dopo averci rimandato agli spogliatoi, per la disputa dei tempi supplementari, alla quale, però, il Genoa si rifiutò. Ricordo d’essere stato criticato per tale decisione, che d’accordo col dirigente in campo ritenni doveroso seguire…”.

E relativamente al dibattito pubblico? “Un dibattito pubblico tra storici delle due parti è auspicabile e potrebbe risultare utile alla stessa Commissione di saggi e studiosi incaricata dalla Federcalcio di pronunciarsi sulla questione. Farlo dopo la decisione non rivestirebbe alcun interesse, poiché sarebbe del tutto inutile. Da storico vedo con molto favore un dibattito diretto a far emergere la verità storica e non una verità “di parte”. Tutti i protagonisti di questa vicenda non ci sono più e non possono controbattere in alcun modo, è quindi fondamentale e doveroso rifarsi non a pareri, dicerie o impressioni, ma ai documenti dell’epoca. Con molto rispetto vorrei chiedere agli amici della Fondazione Genoa: vi sta a cuore la verità storica, quale che sia, o solo la causa del Genoa? Dalla risposta all’invito al pubblico dibattito quanto prima – cioè una volta superata questa tragica emergenza che tutti ci coinvolge – avremo la risposta anche a questa domanda”.

Abbiamo scritto ancora una pagina di questa querelle, certo non l’ultima. Rimaniamo in attesa della prossima mossa… il dibattito aperto o la pronuncia della Commissione di Saggi?

Compila il form sottostante ed iscriviti alla newsletter de Gli Eroi del Calcio.

Classe ’68, appassionato di un calcio che non c’è più. Collezionista e Giornalista, emozionato e passionale. Ideatore de GliEroidelCalcio.com. Un figlio con il quale condivide le proprie passioni. Un buon vino e un sigaro, con la compagn(i)a giusta, per riempirsi il Cuore.

Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

più letti

Copyright © 2019 | GliEroidelCalcio.com testata giornalistica registrata Tribunale di Roma - N° 90/2019 del 20-06-2019
Direttore Responsabile Federico Baranello | Editore Associazione Culturale Calcio, Cultura e Società | info@glieroidelcalcio.com
Sito aderente al Network OK!News24.it - Sindimedia Srl P.I 06259740485 | Privacy Policy | Cookie Policy

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: