Connect with us

Libri

Libri: “Il pallone al fronte – Gli anni di guerra in Sicilia raccontati attraverso lo sport”. La stagione 1914/15

Published on

GLIEROIDELCALCIO.COM – Pubblichiamo, come preannunciato (vedi intervista con l’autore qui), il primo estratto del libro “Il pallone al fronte – Gli anni di guerra in Sicilia raccontati attraverso lo sport”, edito da Bradipolibri per la collana Unasci. L’estratto, scelto di concerto con l’autore, è il racconto della stagione 1914/15 in Sicilia, durante la guerra, “La Grande Guerra”.

Ringraziamo ancora l’autore e la casa editrice per averci dato questa possibilità.

Buona lettura.

Il Team de Gli Eroi del Calcio.com

———–

Il Palermo nel 1915 (foto messinastory1900.altervista.org/)

“La stagione calcistica 1914/15 era iniziata il 4 ottobre 1914 ma seppur l’Italia avesse inizialmente scelto di rimanere neutrale, la mobilitazione preventiva dell’esercito, decisa da Vittorio Emanuele III, aveva messo in seria difficoltà i numerosi club già economicamente traballanti. Il Savoia Milano rinunciò già dalla prima gara e l’Itala Firenze addirittura prima della redazione dei calendari mentre un mese di giocò bastò per indurre il Piemonte ad alzare bandiera bianca. Naturalmente la situazione precipitò dopo l’ingresso ufficiale dell’Italia nel conflitto. Il 23 maggio sarebbe dovuto svolgersi l’ultima giornata del girone finale dell’Alta Italia. Eventi politici di ben più alta levatura investirono, tuttavia, i giorni precedenti tale data.

Il Parlamento italiano aveva votato giovedì 20 maggio i pieni poteri al governo per poter entrare in guerra. Sabato 22 maggio venne dichiarata la mobilitazione generale e così, assai precipitosamente, il 23 maggio la Federazione decise “l’immediata sospensione del campionato”: invece di fischiare l’inizio delle partite, gli arbitri lessero ai giocatori in campo un comunicato che ordinava il rinvio di ogni gara. Il provvedimento fu molto criticato, in particolare dal Genoa (prima in classifica), che emanò la seguente nota: «vista l’improvvisa delibera della FIGC, pur considerando che necessità alcuna, dopo la mobilitazione già da tempo iniziata, imponeva tale provvedimento draconiano, delibera di fronte alla imponenza e mobilità dell’attuale movimento patriottico di soprassedere per ora a quelle fondate proteste cui in tempo di vita sportiva avrebbe dovuto ricorrere». Anche il Torino (secondo in classifica), tuttavia, ebbe ragioni per protestare. Vittorio Pozzo, che era dirigente granata, scrisse: «Quindici giorni prima della sospensione, il Genoa lo avevamo battuto in casa nostra per il notevole risultato di 6-1. Avevamo, in quel giorno, scoperto varie debolezze del sistema difensivo genoano, e con un giuoco tutto d’attacco le avevamo sfruttate appieno. Se noi battevamo il Genoa anche nella partita di ritorno il Torino passava in testa, e il campionato era nostro. Questa la convinzione di tutti noi granata, quando, come su comando del fato, cessammo di giuocare e partimmo soldati». Infatti il campionato a un solo turno dal termine risulta molto incerto: in caso di vittoria del Torino sul Genoa e di mancato successo dell’Inter nel derby, si sarebbe dovuto disputare uno spareggio tra le due compagini per stabilire il campione del Nord; non solo, se l’Inter fosse riuscita a battere il Milan all’ultima giornata, avrebbe raggiunto Torino e Genoa in vetta, rendendo necessari addirittura un triangolare di spareggi. Inoltre restava ancora da disputare la Finalissima con il campione del Centro-Sud, anche se il divario del livello dei club tra le due parti della Penisola la rendeva quasi una formalità. Nelle settimane seguenti i dirigenti della FIGC discussero su come gestire l’interruzione del torneo. Poiché la dirigenza era convinta che il conflitto si sarebbe concluso vittoriosamente nel giro di poche settimane, si decise che il campionato si sarebbe ultimato alla cessazione delle ostilità. La Sicilia rimase estranea a tutte queste polemiche dal momento che nessuna società isolana partecipava alla Prima Categoria. Infatti la più importante competizione calcistica a cui prendevano parte le squadre sicule era la Lipton Challenge Cup. Il torneo, che aveva preso il posto della Whitaker Challenge Cup, era stato istituito nel 1909 dal magnate inglese del tè Sir Thomas Lipton.

Il regolamento prevedeva una fase regionale e successivamente una finale in partita unica fra le vincenti delle eliminatorie siciliane e campane. La prima squadra che fosse riuscita a vincere cinque edizioni della manifestazione si sarebbe aggiudicata definitivamente il trofeo, un’imponente coppa d’argento alta 80 cm e pesante 5 kg. Domenica 4 aprile 1915, allo stadio “Ranchibile”, il Palermo affronta l’Internazionale Napoli, che comunque era formata dai giocatori del Naples FBC. I rosa vincono di misura per 2-1 ed ottengono la quinta affermazione (la quarta consecutiva) che gli vale la conquista definitiva della coppa.

Per i rosa segnano Wood e Candrilli mentre i biancoazzurri vanno in rete grazie ad un calcio di rigore. Questa, dunque, passa alla storia come l’ultima edizione della Coppa Lipton. I giornali dell’epoca, che utilizzavano molti termini inglesi per indicare i ruoli (backs = difensori, forwards = attaccanti ecc), riportano che c’era poca gente sugli spalti, addirittura sottolineano che non vi fosse alcuna donna, e che l’incasso venne donato al Comitato Regionale della Croce Rossa.”

Se vuoi acquistare il libro vai qui.

Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

più letti

Copyright © 2019 | GliEroidelCalcio.com testata giornalistica registrata Tribunale di Roma - N° 90/2019 del 20-06-2019
Direttore Responsabile Federico Baranello | Editore Associazione Culturale Calcio, Cultura e Società | info@glieroidelcalcio.com
Sito aderente al Network OK!News24.it - Sindimedia Srl P.I 06259740485 | Privacy Policy | Cookie Policy

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: