Connect with us

La Penna degli Altri

La storia del Trofeo Berlusconi, tra cabala e calcio anni ’90

Published

on

(MEDIAPOLITIKA.COM di Marco Milan – Foto WIKIPEDIA)

Mediapolitika e la consueta rubrica del Lunedì dedicata al calcio amarcord. Oggi si parla del Trofeo Berlusconi, simbolo del calcio anni ’90. Ecco un estratto.

[…] Nel 1990, ad un anno dalla morte, Silvio Berlusconi decide di istituire un trofeo dedicato alla memoria di suo padre Luigi e che si dovrà disputare ogni anno intorno a Ferragosto nello stadio di San Siro in partita unica. Alla fine della gara, sarà proprio Berlusconi a consegnare la coppa nelle mani del capitano della squadra vittoriosa; l’idea è inizialmente raccolta freddamente da stampa e tifoseria, anche se il presidente del Milan ha già pianificato tutto: a giocare sarà ovviamente la compagine milanista e l’avversario sarà ogni anno diverso e la squadra sfidante dovrà aver vinto nella sua storia almeno una volta la Coppa dei Campioni o il suo corrispettivo sudamericano, la Copa Libertadores.

[…] La prima edizione del Trofeo Luigi Berlusconi viene programmata per l’estate del 1991 quando al Milan è appena arrivato Fabio Capello come allenatore. […] Si gioca il 23 agosto 1991 […] il grande protagonista è il centravanti juventino Pierluigi Casiraghi […] che permette ai bianconeri di vincere 2-1. […] Il campionato dirà poi altro: il Milan vincerà lo scudetto da imbattuto, la Juve giungerà seconda a debita distanza. […] Passa un anno e l’operazione si ripete, stavolta a sfidare il Milan c’è l’Inter il 22 agosto 1992; i rossoneri vincono 1-0 grazie ad una rete lampo del nuovo arrivo Jean-Pierre Papin dopo appena 4 minuti di gioco. […] Un anno esatto più tardi, il 17 agosto 1994, il Milan batte 1-0 il Bayern Monaco, rete di Ruud Gullit. […] Da qui in avanti il trofeo cambia faccia: le dirigenze di Milan e Juventus sono molto amiche; […] si decide allora, visto anche il decrescente afflusso di spettatori a San Siro, che il Trofeo Berlusconi diventerà un appuntamento fisso fra rossoneri e bianconeri.

[…] Proprio da qui il Trofeo Berlusconi assume i contorni di una cabala tanto bizzarra quanto continua: nel ’95 trofeo alla Juve e scudetto al Milan, un anno dopo a trionfare in estate sono i rossoneri (1-0, rete di Eranio il 21 agosto 1996) e a vincere il tricolore i bianconeri. Stessa sorte l’annata successiva: “Berlusconi” al Milan (3-1 in rimonta il 19 agosto 1997, rete eccezionale di Patrick Kluivert che a Milano avrà poca fortuna) e scudetto alla Juve.

[…] Occhio, malocchio, prezzemolo e finocchio, diceva Lino Banfi in un suo celebre film in cui la superstizione la faceva da padrone.

[…] Quella del 2002 è poi una gara che a posteriori si potrà definire profetica: il 18 agosto, Milan e Juventus chiudono i 90 minuti sullo 0-0, poi i rossoneri vincono ai calci di rigore; 9 mesi più tardi, il 28 maggio 2003, a Manchester le due squadre si ritrovano di fronte per la finale di Coppa dei Campioni, la prima fra due club italiani, che il Milan vincerà proprio dopo i tiri dal dischetto e proprio dopo che tempi regolamentari e supplementari si erano chiusi a reti inviolate.

[…] Del Trofeo Luigi Berlusconi, però, al di là dei freddi numeri restano i ricordi, quelli che almeno fino all’inizio degli anni duemila hanno accompagnato i tifosi italiani sotto gli ombrelloni, a far credere loro che il vincitore della partita avrebbe poi perso lo scudetto.

 

Vai all’articolo originale

Compila il form sottostante ed iscriviti alla newsletter de Gli Eroi del Calcio.

più letti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: