Connect with us

La Penna degli Altri

Alfredo Pitto

Published

on

Per la rubrica “Viola in Azzurro” il Museo Fiorentina ci racconta la storia di Alfredo Pitto.

E’ una Fiorentina che ha appena conquistato la serie A quella che nell’estate del 1932 porta sulle rive dell’Arno, tra gli altri, il calciatore sino a quel momento in forza al Bologna e mediano della Nazionale, un calciatore fortemente voluto dal tecnico Hermann Felsner.

“[…] La sua prima partita con la maglia dell’Italia fu il 1° gennaio 1928, a Genova contro la Svizzera (3-2): “Mai esordio in Nazionale fu così clamoroso”, Pitto “fece veramente spettacolo a sé e la folla lo portò in trionfo al termine della combattuta contesa”.

I titoli dei giornali furono dedicati tutti a lui, capace di esordire “con l’impeto di una catapulta”.

Pochi mesi dopo fu uno dei protagonisti della squadra azzurra che conquistò la medaglia di bronzo alle Olimpiadi di Amster­dam, grazie ad una mediana formata da Pitto, Bernardini e Janni che lustrò gli occhi di tutti i tecnici, unica squadra europea a contrastare il calcio platense, cedendo (3-2) in semifinale all’Uruguay.

Pitto, con la maglia azzurra, fu protagonista di una stagione che aprì la strada alla conquista della Coppa del Mondo del 1934, cogliendo i primi importanti successi internazionali: l’11 maggio 1930 la Nazionale, a Budapest, inflisse una cocente lezione (5-0) all’Ungheria, conquistando la prima Coppa Internazionale e il 22 febbraio 1931 batté per la prima volta l’Austria (2-1) a San Siro.

Grande classe, frutto di maestria tecnica e di un eccezionale dinamismo facevano di lui una delle attrazioni del calcio nazionale.

Su Pitto fioccavano gli aneddoti e i racconti centrati sulla sua arguzia, come quello riportato da Pier Luigi Brunori: “Aveva un sistema per beffare i portieri, e talvolta lo met­teva in uso. Quando un compagno di squadra batteva un calcio d’angolo, Pitto si allontanava con fare distratto dall’area di porta, fingendo di disinteressarsi dell’a­zione: anzi, si chinava, come per allac­ciarsi una scarpa. Il compagno sapeva il trucco, e, nel suo tiro dalla bandierina, appoggiava su Pitto smarcato: se andava bene … andava a bersaglio”.

O come questo sulla sua renitenza alla leva, sempre raccontato da Brunori. “Di Pitto, poi, è bene saperne un altra: all’epoca in cui dovette andare a fare il servizio militare, già ventiseienne (era stu­dente universitario), cercò una scappatoia per non farne… di nulla. Ma il comandante del Distretto, amico della sua famiglia, gli disse: Caro Pitto, sei troppo conosciu­to sportivamente per poter essere aiuta­to: t’immagini i giornali cosa pubbliche­rebbero per un Pitto esonerato? E poi, continuò, il capitano medico che ti deve visitare non sa cosa sia lo sport e quindi ti giudicherà senza favoritismi. Così, Pit­to dovette chinare la testa e passare per lo spogliatoio (ma non dello stadio!). Quando fu… secondo natura davanti all’ufficiale, questi gli fece alzare prima il pie­de destro, poi quello sinistro. Il ragazzo non capiva cosa stesse accadendo, ma qualcosa lo avvertiva che non tutto era normale. Infatti, venne fuori questa diagnosi: assegnato ai servizi sedentari perché piede piatto bilaterale art. 15, e quindi dispensato dal compiere la ferma ai sensi dell’art. 108 del T.U.

[…] Il tecnico Felsner, chiamato a guidare la Fio­rentina, lo volle a tutti i costi e Alfredo, “Maledetto toscano”, accettò di corsa. Il problema era rappresentato dal Bologna che concesse a caro prezzo (200 mila lire, dieci volte quanto lo aveva pagato dal Livorno) la lista di trasferimento.

Divenne subito protagonista del gruppo viola. Nel ritiro di Tarcento, in Friuli, i giocatori viola attendevano l’arrivo di Petrone ed imbastirono una bella accoglienza, fatta di musica e fanciulle. Soltanto che la musica era suonata dal terzino Vignolini, con due mestoli di cucina e una latta vuota, mentre la fanciulla era Pitto, truc­cato da Miss Universo 1932, con in mano un omaggio floreale fatto di sedani, spinaci e carote, che baciò subito Petrone sulle guance, sporcando­lo di un acceso rosso carminio.

Bastarono poche partite a Pitto per diventare un simbolo della squadra gigliata: il suo nome, sillabato dai tifosi divenne uno dei più ritmati inneggiamenti alla Fiorentina”

Vai all’articolo originale

 

Compila il form sottostante ed iscriviti alla newsletter de Gli Eroi del Calcio.

più letti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: