Connect with us

La Penna degli Altri

Tardelli: “Il mio idolo era Gigi Riva”

Published

on

Intervista esclusiva de La Nazione a Marco Tardelli. Ecco un estratto.

[…] “A Capanne di Careggine ci sono soltanto nato, ma dopo un anno ero già a Pisa: io il calciatore più importante della storia della città? Bisognerebbe chiederlo ai pisani, ma se fosse vero ne sarei solo orgoglioso”.

[…] Un “fuoriclasse” assoluto arrivato al calcio professionistico quasi per caso. Giusto?

[…] “Per caso forse, no. Però sicuramente per l’intuizione di un grandissimo talent scout come Romano Paffi, il mio primo allenatore nel San Martino. La mia avventura nel calcio è cominciata grazie a lui. Il Pisa aveva deciso di prendere due miei compagni di squadra, Zanni e Lucarelli, che effettivamente erano molto bravi”.

[…] Vero che, in precedenza, era stato scartato da Bologna, Fiorentina e Milan perché considerato troppo gracile?

[…] “Confermo. E pure il Pisa, ad onor del vero, era molto perplesso per lo stesso motivo. Proprio per questo, fra l’altro, cominciarono a chiamarmi ’Schizzo’”.

Chi sognava di diventare, da ragazzino, Tardelli?

[…] “Il mio idolo in assoluto era Gigi Riva”.

Vai all’articolo originale

(LANAZIONE.IT di Francesco Paletti)

 

Compila il form sottostante ed iscriviti alla newsletter de Gli Eroi del Calcio.

più letti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: