Connect with us

Mostre & Musei

Pablito: un mito. Da Prato alla Stratosfera

Published on

Quando una memorabile impresa sportiva e la vita di un campione straordinario diventano fonte d’ispirazione per 112 artisti

Nasce così l’idea di una grande mostra di arte contemporanea per omaggiare il mito di Pablitoper onorare la memoria del campione del mondo nato a Prato, per riannodare i fili di una storia che ancora emoziona e scalda i cuori di chi visse la notte di “Spagna 1982”. Un’intuizione del collezionista e curatore Carlo Palli subito sposata dal Teatro Politeama Pratese, la grande “casa” della cultura pratese che riaccenderà le luci del Ridotto per accogliere oltre 100 opere di arte contemporanea firmate da artisti provenienti da ogni parte del mondo e testimoni della notorietà di Paolo Rossi. Artisti che, a pochi mesi dalla scomparsa del calciatore, sono stati invitati da Carlo Palli a rivivere quei momenti di gloria e a ricordare Paolo Rossi, oltre a celebrare Prato come culla di molti atleti e città natale del “campione del mondo”.
Pablito: un mito. Da Prato alla Stratosfera rappresenta l’omaggio a un mito internazionale, quel mito che si è fatto conoscere e riconoscere in ogni angolo del pianeta a suon di goal.

LA MOSTRA

Il Teatro Politeama Pratese apre le porte del Ridotto per ospitare le opere degli artisti dando così l’opportunità di far scoprire alla cittadinanza gli spazi del settecentesco Palazzo Leonetti. Una mostra “planetaria”, grazie alla partecipazione di artisti provenienti da ogni parte del mondo e testimoni della notorietà di Paolo Rossi. Una mostra “internazionale”, sulla scia concettuale del Mondiale, che mette in luce tutta l’emozione dello sport e ne riscopre l’importante funzione sociale. “Spagna 1982” è stato un sogno per tutti gli italiani, un evento indimenticabile che ha tenuto con il fiato sospeso tutta l’Italia ancorata alla telecronaca di Nando Martellini, in attesa del decisivo “goal”. Un ricordo ancora vivo di cui Paolo Rossi è stato l’indiscusso protagonista. Miglior giocatore del Mondiale, fenomenale capocannoniere, vincitore del “Pallone d’oro 1982”, Paolo Rossi con il suo “fiuto per il goal” ha portato la Nazionale di Bearzot alla vittoria, facendo riscoprire nel gioco del calcio un inno e un tassello d’identità culturale. Il catalogo, a cura di Laura Monaldi, ripercorrerà l’esposizione allestita nella cornice del Ridotto, immortalata negli scatti del fotografo Pietro Schillaci. L’allestimento è a cura dell’architetto Francesco Procopio per conto del Comune di Prato.
Le opere in mostra saranno donate alla famiglia per la costituenda Fondazione Paolo Rossi.

IL DOCUFILM

In occasione dell’evento espositivo al Politeama, il regista Stefano Cecchi ha realizzato un video documentario, dal titolo Quel ragazzo di Santa Lucia. Ricordando Pablito, che raccoglie in quaranta minuti le testimonianze di Giancarlo Antognoni, Giovanni Galli, Rossano Rossi, Stefano Braschi, Matteo Biffoni, Federica Cappelletti (moglie di Paolo Rossi), il vescovo Giovanni Nerbini, Francesco “Ciccio” Graziani, Paolo Amerini, Carlo Palli, Franco Kistermann, Roberto Macrì e Yuri Chechi. Un video inedito che unisce sport e cultura, tifo e socialità, ricordi e sentimenti personali, arricchendo la mostra e contribuendo a far rivivere quel sogno nel nome di “Pablito”, da Santa Lucia alla “Stratosfera”, come indica il sottotitolo della rassegna artistica.
Sarà possibile assistere alla proiezione del documentario negli spazi del Politeama durante il primo giorno di apertura al pubblico della mostra (solo domenica 6 giugno).

Dal 15 giugno, la proiezione sarà visibile alla Limonaia dell’ex Convento dei frati cappuccini, attuale sede della Fondazione Opera Santa Rita (via Armando Diaz 13/15) sempre a Prato.

GLI SPAZI

L’arte contemporanea nel segno dell’omaggio a Paolo Rossi trova una collocazione ideale nelle sale di Palazzo Leonetti.
Sport e Politeama, un legame che non è non casuale. Le origini del più grande teatro della città si legano all’iniziativa di Bruno Banchini, tra i più grandi campioni italiani del gioco del pallone col bracciale (uno sport ormai scomparso) agli inizi del Novecento. Fu lui a investire tutti i suoi risparmi nell’acquisto dell’intero isolato fra via Garibaldi e via Tintori, realizzandovi una grande arena con la copertura apribile grazie al progetto dell’architetto Pier Luigi Nervi. Un esempio di felice sintesi fra la cultura e lo sport, com’è nello spirito della mostra Pablito: un mito.

 

Pablito: un mito. Da Prato alla Stratosfera
Una mostra di arte contemporanea al Ridotto del Teatro Politeama Pratese

6 giugno – 4 luglio 2021
orario 15.30-19.30  | chiuso il lunedì |
Mostra gratuita con prenotazione consigliata causa ingressi contingentati nel rispetto della normativa anti-Covid in vigore.

promossa da
Archivio Carlo Palli
Comune di Prato – Assessorato alla Cultura
Teatro Politeama Pratese

con il patrocinio della Regione Toscana

Mostra a cura di Carlo Palli
Catalogo a cura di Laura Monaldi

Media partner Tv Prato

NFORMAZIONI SULL’ACCESSO ALLA MOSTRA:

APERTURA DELLA MOSTRA DOMENICA 6 GIUGNO ORE 16,30/19,30
In occasione dell’apertura al pubblico della mostra domenica 6 giugno dalle ore 16,30
E’ OBBLIGATORIA LA PRENOTAZIONE TRAMITE RICHIESTA alla biglietteria del Teatro
tel. 0574 603758  aperta dal martedì al sabato dalle 10.30 alle 12.30 e dalle 16 alle 19.

DA MARTEDI’ 8 GIUGNO A DOMENICA 4 LUGLIO 
L’ingresso alla mostra è gratuito, dalle 15.30 alle 19.30 da martedì 8 giugno a domenica 4 luglio (chiuso il lunedì).
La prenotazione è consigliata utilizzando la piattaforma eventbrite
o rivolgendosi alla biglietteria tel. 0574 603758  aperta dal martedì al sabato dalle 10.30 alle 12.30 e dalle 16 alle 19.

 


GLI ARTISTI IN MOSTRA

Paolo Albani, Paolo Amerini, Vittore Baroni, Pier Roberto Bassi, Stefano Benedetti, Armando Bertollo, Gianni Biagi, Daniela Billi, Fabio Bini, Guy Bleus, Luther Blissett, Buz Blurr, Anna Boschi, Leonardo Bossio, Hans Braümuller, Antonio Bruno, Paulo Bruscky, Rinaldo Frank Burattin, Alfonso Caccavale, Carlo Cantini, Mauro Capitani, Myriam Cappelletti, Giancarlo Cardini, Roberto Casati, Cinzio Cavallarin, Stefano Cecchi, Giuseppe Alberto Centauro, Patrizia Cerella, Claudio Cerretelli, Carlo Palli, Kiddy Citny, Riccardo Cocchi, Ryosuke Cohen, Lido Contemori, Cristina Corradi Mello, Enzo Correnti, Mattia Crisci, Serena D’Angelis, Jakob De Chirico, Ko De Jonge, Elio De Luca, Fabio De Poli, Debora Di Bella, Marcello Diotallevi, Tamara Donati, Gianni Dorigo, Mike Dyar, Riccardo Farinelli, Nico Fedi, Fernanda Fedi, Luc Fierens, Franco Fossi, Kiki Franceschi, Ignazio Fresu, Gabriella Furlani, Picasso Gaglione, Mauro Gazzara, Marco Gerbi, Carlo Gianni, Elisa Gianni, Gino Gini, Fabrizio Giorgi, Raffaello Gori, Simone Gori, Andrea Granchi, Ezio Gribaudo, Carla Guarino, Guroga, John Held, I Santini Del Prete, Emily Joe, Helmut King, Michael Leigh, Dario Longo, Maya Lopez Muro, Sara Lovari, Serse Luigetti, Paolo Lumini, Ruggero Maggi, Morice Marcuse, Paolo Masi, Miradario, Fernando Montagner, Fernanda Morganti, Giovanni Nuti, Gian Marco Oppo, Clemente Padin, Chiara Pasquetti, Giancarlo Pavanello, Luigi Petracchi, Lamberto Pignotti, Franco Piri Focardi, Antonio Poce, Giampiero Poggiali Berlinghieri, Alessandro Poli, Hugo Pontes, Giovanni Possenti, Tulio Restrepo, Ina Ripari, Gian Paolo Roffi, Walter Rovere, Rod Summers, Anthony Tang, Lorenzo Tonda, Giovanni Battista Tresso, Stefano Turrini, Sergio Ulivi, Carlo Valentini, Elisa Zadi, Lorella Zappalorti, Mindaugas Zuromskas.

 

 

Compila il form sottostante ed iscriviti alla newsletter de Gli Eroi del Calcio.

Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

più letti

Copyright © 2019 | GliEroidelCalcio.com testata giornalistica registrata Tribunale di Roma - N° 90/2019 del 20-06-2019
Direttore Responsabile Federico Baranello | Editore Associazione Culturale Calcio, Cultura e Società | info@glieroidelcalcio.com
Sito aderente al Network OK!News24.it - Sindimedia Srl P.I 06259740485 | Privacy Policy | Cookie Policy

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: