Connect with us

La Penna degli Altri

Moratti: “Cantona era il mio sogno per l’Inter”

Published

on

Intervista esclusiva del Corriere della Sera a Massimo Moratti. Un racconto appassionato del suo rapporto con l’amata Inter. Ecco un estratto.

[…] Il Presidente non è più presidente da otto anni, eppure Massimo Moratti è ancora l’Inter, e l’Inter è ancora Massimo Moratti.

[…] È stata più importante la Grande Inter di papà o la sua?

[…] «Di Grande Inter ce n’è stata una sola, che ha cambiato il corso della storia del calcio, quella di mio padre. Vincere due Coppe dei Campioni di seguito è stata un’impresa davvero epica. E avevamo ormai conquistato la terza».

[…] Ince doveva arrivare insieme a Eric Cantona. 

[…] «Era il mio sogno: forza, classe, personalità. Non venne perché voleva farsi perdonare dallo United la lunga squalifica per aver sferrato un colpo di kung fu a un tifoso avversario che gli aveva fatto un saluto nazista invitandolo a tornare al suo Paese. Gli idioti non hanno confini».

[…] Tornando indietro “baratterebbe” Ronaldo con Cantona?

[…] «No, Ronaldo era un fenomeno unico, nonostante i problemi. È stato il mio orgoglio da presidente. Sa come mi sono deciso a prenderlo? Era l’aprile del 1997, stavo tornando in auto da Firenze dopo uno 0-0 e il mio autista, Dante, cominciò a borbottare perché da un po’ di tempo l’Inter non brillava più. E io quasi contrariato gli risposi: allora compriamoci Ronaldo così vinceremo sempre! Da quella battuta un po’ provocatoria prese corpo piano piano la convinzione di provarci davvero».

Vai all’articolo originale

(CORRIERE.IT di Federico Pistone)

Compila il form sottostante ed iscriviti alla newsletter de Gli Eroi del Calcio.

più letti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: