Connect with us

Storie di Calcio

Le Provinciali in Serie A – Messina, tra cadute e ostacoli poi il sogno

Published

on

GLIEROIDELCALCIO.COM (Francesco Quattrone) – Colomban porta il Messina in Serie A dopo aver vinto il campionato di Serie B con 50 punti nella stagione 1962\63 e con questa formazione base: Rossi, Dotti, Stucchi, Radaelli, Ghelfi, Landri, Calzolari, Fascetti, Calloni, Canuti e Brambilla.

La prima esperienza del Messina in A risale alla stagione 1963\64, con il presidente Muglia che conferma Mannocci alla guida del club. Arrivano il peruviano Benitez dal Milan, Mobello e Pagani dall’Inter, Derlin e Morelli dal Como.  All’esordio dei ‘’Peloritani’’ a Genova contro la Sampdoria perde per 3 a 1, Mannocci schiera questo Messina: Rossi, Regni, Stucchi, Dotti, Ghelfi, Derlin, Brambilla, Canuti, Morelli, Pagani, Morbello.  Si salva dopo un’ottimo girone di ritorno.  Si piazza al 14° posto dopo 9 vittorie, 10 pareggi e 15 sconfitte.

Nella stagione 1964\65 vengono acquistati Bagatti dal Lecco, Gioia dal Pisa e Piero Baroncini.  L’esordio è di quelli scoppiettanti, allo stadio ‘’G. Celeste’’ arriva la grande Juventus di Omar Sivori, questi gli undici che Colomban schiera in campo: Recchia, Garbuglia, Stucchi, Cavazza, Ghelfi, Landri, Bagatti, Passoni, Morelli, Gioia e Brambilla. La Juventus: Anzolin, Gori, Sarti, Bercellino, Salvadore, Leoncini, Stacchini, Sacco, Combin , Sivori,  Menichelli. Finisce 1 a 1 con le reti di Bagatti e Menichelli su rigore. Il tecnico giallorosso a fine gara soddisfatto (Gazzetta dello Sport del 14 settembre 1964: ” Mi attendevo da questo manipolo di ragazzi quello che hanno dato”

Il Messina non riesce a ripetere il campionato precedente e si piazza al penultimo posto con 7 vittorie, 8 pareggi e 19 sconfitte, retrocede in Serie B. Dopo i primi tre campionati tra i cadetti per il Messina inizia una lunga serie di vicende sportive, arriva a  giocare anche nei dilettanti cambiando spesso la denominazione della squadra

Dopo 39 anni, ritorna in Serie A nella stagione 2004\05 con Franza presidente e Mutti sulla panchina.  Vengono acquistati Zampagna, Donati, Zanchi, Nicola Amoruso e il reggino Sergio Campolo.   Il debutto allo stadio ‘’S. Filippo’’ contro il Parma finisce 0 a 0. Questi gli undici giallorossi: Storari, Zoro, Razaei, Fusco, Parisi, Giampà, Coppola, Donati, Sullo, Iliev, Amoruso.  Si piazza al settimo posto dopo 12 vittorie, 12 pareggi e 14 sconfitte

Nella stagione 2005\06 Franza conferma Mutti, poi lo sostituisce con Ventura. Arrivano Sculli e Nocerino. Arturo De Napoli è il cannoniere della squadra con 13 reti.  Il debutto all’Olimpico contro la Lazio perde per 1 a 0.  Il Messina schiera: Caglioni, Zoro, Rezaei, Zanchi, Aronica, Mamede, Donati, Giampà, D’Agostino, Sculli, Zampagna. Si piazza al 17° posto.  Si salva dal la Serie B per il coinvolgimento della Juventus nella vicenda di calciopoli.

Nella stagione 2006\07 Franza cambia la panchina: Giordano, Cavasin, ancora Giordano poi Bolchi. Vengono acquistati Iuliano, Masiello, Candela, poi Bakayoko. Nel debutto casalingo contro l’Udinese vince per 1 a 0. Si schiera con: Storari, Lavecchia, Iuliano, Zanchi, Parisi, Coppola, De Vezze, Masiello, Cordova, Di Napoli, Riganò.  In questo campionato da ricordare i derby contro Catania, Palermo e Reggina.  Così dopo 5 vittorie, 11 pareggi e 22 sconfitte i giallorossi non evitano la retrocessione.

Due personaggi del Messina calcio è giusto citarli anche se non hanno giocato con i giallorossi in Serie A, Totò Schillaci ed  il compianto  mister Franco Scoglio ‘’il professore’’. Oggi il Messina milita in Serie C.

IN COLLABORAZIONE con Santo Quattrone

Compila il form sottostante ed iscriviti alla newsletter de Gli Eroi del Calcio.

Nato a Rossano (Cosenza), classe 1993, Giornalista e telecronista. La passione per il calcio nasce fin da piccolo, una sorta di seconda vita.

più letti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: