Connect with us

La Penna degli Altri

Leonardo: «Berlusconi mi riteneva un testardo»

Published on

“[…] da bambino mai avrei immaginato di fare del calcio un lavoro. Come tutti giocavo, ma pensavo anche a studiare. A 14 anni arriva il primo provino. A 19 vado all’estero per la prima volta e da 33 sono in giro per il mondo». Terzino, ala, trequarti… ha giocato praticamente in qualsiasi ruolo, partendo dal Flamengo e dal San Paolo, facendo il pioniere del calcio in Giappone con l’amico Zico, per diventare protagonista in Europa, con una parentesi al Psg, e un amore lungo tredici anni con il Milan, iniziato nel 1997. «Il Milan e Adriano Galliani — ricorda — sono stati per me un’università di gestione. Galliani è una persona rara, uno che conosce ogni ruolo e, dunque, ha una visione completa. Essergli stato a fianco è stata una esperienza a dir poco straordinaria, come lo è stato vivere nel Milan da calciatore, allenatore, dirigente». Il divorzio con i rossoneri arrivò anche per dissidi con l’allora presidentissimo Silvio Berlusconi, che definì Leonardo «un testardo».

«È vero — racconta —, abbiamo litigato, ma a distanza di anni riconosco che è stato un onore essere parte del Milan di Berlusconi». Chiuso nel 2010 il periodo Milan, arriva il passaggio sulla panchina dell’Inter, vissuto come un tradimento da molti tifosi. «Mi aspettavo — dice — le polemiche ma non così tante […].

Fonte Corriere del Trentino 

Compila il form sottostante ed iscriviti alla newsletter de Gli Eroi del Calcio.

Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

più letti

Copyright © 2019 | GliEroidelCalcio.com testata giornalistica registrata Tribunale di Roma - N° 90/2019 del 20-06-2019
Direttore Responsabile Federico Baranello | Editore Associazione Culturale Calcio, Cultura e Società | info@glieroidelcalcio.com
Sito aderente al Network OK!News24.it - Sindimedia Srl P.I 06259740485 | Privacy Policy | Cookie Policy

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: