Connect with us

Libri

Libri: “Nazionali senza filtro”. Gianfranco Bedin

Published

on

GLIEROIDELCALCIO.COM (Massimo Prati) – Per la rubrica “Libri” abbiamo raggiunto e intervistato Pierluigi Larotonda, autore del libro “Nazionali senza filtro”, illustrazioni di Luca Lucherini e edito da Freccia d’Oro.

Cosa hanno in comune Beniamino Vignola e Gigi Piras? Franco Cresci e Luciano Castellini? Massimo Palanca ed Evaristo Beccalossi? Tutto e niente. Hanno militato in serie A, fatto innamorare i tifosi, costruito storie e rapporti veri che resistono all’usura del tempo. Carriere tali da spalancar loro le porte della Nazionale. Eppure per le loro figurine sono rimaste azzurrabili e non azzurre. Non è scattato il feeling, hanno fatto scelte impopolari, non piacevano ai C.T. o chissà quale altro cavolo di motivo. Soddisfazioni e trofei nei club, ma la Nazionale no. Di questa categoria si occupa l’autore che riserva ad ognuno dei presenti una carezza, fornisce un alibi. “Nazionali senza filtro” è proprio così, un ritratto di uomini prima che di calciatori. Di uomini e di scelte. Ogni pagina merita una riflessione, ogni nome una domanda. Perché il taciturno Agostino Di Bartolomei è rimasto fuori dal giro azzurro? Perché Roberto Pruzzo, capo-cannoniere, ha saltato la spedizione in Spagna e Messico? E le bandiere? Forse Franco Cresci troppo legato a Bologna, forse Gigi Piras ha pagato l’esser venuto dopo Riva?

Insomma… storie da non perdere …

Si ringrazia la casa editrice Freccia d’Oro per l’opportunità.

Buona lettura.

Il team de GliEroidelCalcio.com

———————–

Gianfranco Bedin ha fatto la storia dell’Inter anni sessanta, il periodo glorioso delle Coppe dei Campioni e delle Coppe Intercontinentali. Giocatore impeccabile sia in difesa che in centrocampo, calciatore di spessore, di forza e di coraggio. Non c’è niente da fare, qualcuno sul prato la croce la deve portare e Bedin era uno di quelli che la trascinava bene e volentieri. 

Perché questo mediano dall’ottima visione di gioco è stata una leggenda del calcio, un fenomenale portatore d’acqua. Del resto l’Inter ha avuto sempre grandi mediani, è sufficiente citare Gabriele Oriali. Non mancava di realizzare reti, Bedin, e costruire il gioco fino a raggiungere la porta avversaria. Con i nerazzurri vinse da protagonista la Coppa dei Campioni e la Coppa Intercontinentale nell’anno 1965. Un vero peccato quella mancata convocazione con gli azzurri per l’Europeo 1968. 

Vai qui se vuoi acquistare il libro

Compila il form sottostante ed iscriviti alla newsletter de Gli Eroi del Calcio.

più letti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: