Connect with us

Storie di Calcio

Le Provinciali in Serie A – La Lucchese

Published

on

GLIEROIDELCALCIO.COM (Francesco Quattrone) – Disputa il suo primo campionato di Serie A nella stagione 1936-37. Alla presidenza ci sono Fontana e Della Santina, che affidano la panchina all’ungherese Ernest Erbstein. Nelle file rossonere militano grandi giocatori come Olivieri, Perduca, Andreoli. Persia e Vojak. Ottimo piazzamento per una matricola, settimo posto insieme all’Ambrosiana-Inter frutto di 9 vittorie e 13 pareggi. Nella stagione successiva si riparte con Erbestein sulla panchina, poi sostituito da Vojak e poi da Umberto Caligaris. Qualche nuovo inserimento nella squadra. Fa dei pareggi interni con l’Ambrosiana, la Juventus, il Milan. Sempre in casa batte la Roma, l’Atalanta, la Fiorentina, il Bari e la Triestina. Il 14° posto ottenuto le evita la retrocessione.  Nell’anno 1938-39 disputa il suo terzo campionato in A con Bonino in panchina. Nell’esordio casalingo batte la Juventus per 1 a 0 con questa formazione: Tavoletta, Tabor, Oasi, Alimonti, Turchi, Dossena, Rosellini, Colli, Pomponi, Stella, Grigna, marcatore Rosellini. Con i 24 punti conquistati non bastano per evitare la retrocessione.  Dopo una lunga assenza in A fa   ritorno nel 1947-48.  C’è ancora Fontana alla presidenza, la panchina ospita l’ungherese Arpad Lajos, poi Cappellini e Cargnelli. Era il campionato a 21 squadre. L’esordio casalingo non è di quelli buoni, perde con il Genoa per 3 a 0. Da ricordare la vittoria esterna a S. Siro contro il Milan per 2 a 1. Sulle 40 partite disputate ottiene 12 vittorie, 12 pareggi e 16 sconfitte. C’è la salvezza.

Nella stagione 1948-49 la panchina rossonera viene affidata a Gipo Viani, buona la partenza, vince le due partite casalinghe contro Triestina e Modena.  In porta c’è Gianni Viola, ci sono anche gli stranieri Nay, Toth e Fabian. Un degno 8° posto. Si affronta anche il campionato 1949-50. Sulla panchina prima Barbieri poi rimpiazzato da Allasio. Da ricordare la vittoria a Torino contro la Juventus per 2 a 1.  Fra i rossoneri c’è Ferruccio Valcareggi e l’ungherese Kincses cannoniere della squadra con 19 reti. Altra salvezza lasciandosi alle spalle Novara, Roma, Bari e Venezia. Ancora con Fontana e Della Santina la Lucchese affronta il campionato 1950-51.  Sulla panchina Sarosi, poi Fiorentini ed ancora Sarosi. In porta c’è un grande Bepi Moro, il danese Colberg, l’ungherese Mayer cannoniere della squadra con 13 reti.  Con 11 vittorie, 8 pareggi e 19 sconfitte, la Lucchese si salva ancora.  Ed eccoci all’ultimo campionato della squadra toscana in Serie A. Stagione 1951-52. Alla presidenza c’è Umberto Paradossi, che affida la panchina prima a Luigi Ferrero poi a Piero Andreoli. Vince l’esordio casalingo allo stadio ‘’Porta Elisa’’ contro l’Atalanta per 2 a 0.  De Fazio e Greco con le loro 38 presenze sono i giocatori più rappresentativi. Il danese Franse con le sue 12 reti è il cannoniere della squadra. Le 11 vittorie, i 10 pareggio e 17 sconfitte non bastano per evitare la retrocessione.

Oggi la Lucchese milita in Serie C.

IN COLLABORAZIONE con Santo Quattrone

Compila il form sottostante ed iscriviti alla newsletter de Gli Eroi del Calcio.

Nato a Rossano (Cosenza), classe 1993, Giornalista e telecronista. La passione per il calcio nasce fin da piccolo, una sorta di seconda vita.

più letti

CONSENSO COOKIE

Copyright © 2019 | GliEroidelCalcio.com testata giornalistica registrata Tribunale di Roma - N° 90/2019 del 20-06-2019
Direttore Responsabile Federico Baranello | Editore Associazione Culturale Calcio, Cultura e Società | info@glieroidelcalcio.com
Sito aderente al Network Sport Review Srl | Privacy Policy | Cookie Policy

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: