Connect with us

La Penna degli Altri

Athirson Mazzoli de Oliveira racconta la sua breve esperienza alla Juventus

Published

on

Vi ricordate di Athirson Mazzoli de Oliveira …  il calciatore brasiliano arrivò nel 2001 alla Juventus, ma non riuscì ad incidere minimamente: solo 5 presenze per lui.

Tuttomercatoweb lo ha intervistato e ha ripercorso, tra le altre cose, quell’esperienza:

[…] Una breve parentesi, quella bianconera e nemmeno troppo fortunata sin dall’inizio, col Flamengo che fece causa alla FIFA per impedire il trasferimento
“In Brasile non era regolamentata la situazione dei parametri zero, era una situazione molto delicata. Io avevo firmato con la Juventus ed ero felice di approdare in Italia. Non pensavo che questo potesse crearmi dei problemi col Flamengo. Ma alla fine la Juve ne è uscita pulita”.

Esordio in Serie A il 1° aprile 2001, il Brescia vi fece uno scherzetto con un gol capolavoro di Roberto Baggio
“Preferirei dimenticare quel pomeriggio, dato che proprio io, assieme a Iuliano, perdemmo Baggio nell’azione del gol…”.

Cosa non è andato alla Juve?
“Va detto che quando sono arrivato in Italia dal Brasile, nel mio paese c’era un’influenza che si chiama dengue. Io sono uscito dal Brasile con questa influenza senza nemmeno saperlo. Arrivato in Italia mi sono sentito molto male, il mio corpo era diventato rosso. Si fecero tutti gli accertamenti del caso, c’era persino il timore che avessi la leucemia. Di conseguenza puoi capire che ero molto preoccupato, non c’ero con la testa. Sono stati 5-6 mesi terribili, volevo tornare in Brasile per curarmi. Per fortuna si è scoperto cosa fosse in realtà, lo staff medico della Juventus mi ha guarito nel miglior modo possibile e per questo sono grato alla società”.

Con Ancelotti arriva qualche partita. Lippi invece ti liquida subito
“Prima di trasferirmi alla Juventus ero nel giro della Seleçao, avevo buone possibilità di andare ai Mondiali del 2002. Quando ho iniziato a sentirmi meglio e pensavo di poter far qualcosa Ancelotti va via e per me si chiudono di fatto le porte della Juve. Per non perdere la nazionale chiedo di tornare in Brasile e vado in prestito al Flamengo. Purtroppo non vengo convocato per i Mondiali. Come se non bastasse mi faccio anche male al ginocchio e quando torno alla Juve e vedono le mie condizioni decidono di rompere il contratto”.

Perché Lippi non ti ‘vedeva’?
“Ci scherzo spesso su questa storia e ripensando al fatto che anche Ronaldo aveva avuto problemi con lui all’Inter, evidentemente ce l’aveva con i brasiliani (ride). Scherzi a parte non saprei, non mi mandava nemmeno in panchina. Finivo dritto in tribuna e gli stessi compagni di squadra non capivano il perché. Spiegazioni? Mai avute”. […]

Vai all’articolo originale

 

Compila il form sottostante ed iscriviti alla newsletter de Gli Eroi del Calcio.

più letti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: