Connect with us

Storie di Calcio

Vinnie Jones, il “Duro” di Watford

Published

on

VINNIE JONES

GLIEROIDELCALCIO.COM (Antonio Mattera)

IL DURO DI WATFORD

Ha la faccia da duro, gli occhi di ghiaccio,il fisico possente, le mani callose e forti di chi ha lavorato in muratura.

Sulle nocche ci ha tatuato “Hard & Fast” che ti dà l’idea del rude gallese, sempre pronto a prendersi una sbronza il sabato sera al pub e ad attaccare briga.

Facile che con tali parametri il mondo del cinema ti apra le porte come caratterista e per di più in pellicole, non proprio di seconda fascia. Tra queste ricordiamo: “Snatch- Lo strappo”, “Fuori in 60 secondi”, “Codice Swordfish” e un’altra trentina di titoli.

Meno facile che si aprono le porte del mondo del calcio.

Eppure Vinnie Jones è stato prima un calciatore, dai piedi ruvidi come le mani e il volto, poi prestato al cinema.

O forse il contrario.

Vinnie sicuramente è stato tante cose. Tra cui: muratore, domatore di tigri in tv, personaggio del Grande Fratello inglese, operaio sui grattacieli per una serie documentario.

O “Psycho” per i suoi avversari sul rettangolo verde.

TRA UN MATTONE E UN PALLONE

Vinnie, vero nome Vincent, cresce nella periferia di Watford.Un ambiente tutto grigio dai cieli ai palazzi che erano tutti uguali.

Grigi come gli animi delle persone, sempre a combattere per portare un pezzo di pane a casa con un presente incerto e un futuro scritto nei rivoli che scorrono lungo i marciapiedi dopo ogni pioggia.

Vinnie non è certo un campione a scuola, anzi per lui è una perdita di tempo, meglio fare a botte con i coetanei e non solo.

La strada del lavoro, in muratura, sembra salvarlo da un destino forse più tragico.

Per ammazzare il tempo incomincia a giocare, alternando quello che è hobby al lavoro, nel Wealdstone.

Usare le mani per battere con la mazzuola e i piedi per calciare per lui hanno il medesimo effetto: significa sfogare la sua rabbia di giovane disilluso dalla nascita.

Si porta dietro le alzatacce all’alba e la consapevolezza che quel mestiere, del muratore, o lo affronti di petto dall’inizio del giorno oppure ti seppellisce.

Semplicemente trasporta il lavoro sul campo di calcio e lo applica, con tenacia.

A 21 anni decide di provare l’esperienza all’estero, trasferendosi in Svezia all’ IFK Holmsund, in terza categoria nordica!

Campionato che vince, meritandosi la chiamata del Wimbledon.

Lì entra a far parte della Crazy gang, quella allegra brigata che porta a vincere al Wimbledon il suo unico titolo, la FA Cup, contro il Liverpool.

Gioco maschio, interventi intimidatori e provocazioni, una continua caccia all’avversario, minacce messe anche in pratica, queste le caratteristiche principali di quella squadra che sembra costruita a perfezione su Vinnie.

Vestirà poi le maglie del Leeds, dello Sheffield United, persino del Chelsea.

E, seppur inglese, la maglia della nazionale del Galles, forse sentendo il suo spirito combattivo più vicino a quello di quella piccola parte di Gran Bretagna.

O forse perché, in patria, giocatori del calibro come Lineker e Robson non lo vedono di buon occhio, considerandolo non altro che un macellaio.

UN MACELLAIO

Tra gli appellativi dati a Jones c’è quello del macellaio ed è per questo motivo che gli avversari hanno timore di lui. Tra le sue caratteristiche c’è quella di randellare caviglie e campi di calcio fangosi come delle pietre, ed è per questo motivo che al Wimbledon lo hanno voluto sia Dave Bassett sia Bobby Gould. 

Costruiscono intorno a Vinnie Jones, che nel frattempo diventa sempre più leader, sempre più cattivo, in una squadra di “bad boys”, il miracolo Wimbledon.

Squadra dal gioco duro, un calcio al limite della ferocia (spesso superato) dove l’avversario va fermato, a qualsiasi costo.

Una squadra che ricalca, in parte, le gesta fuori dal campo, di un’altra grande squadra di pazzi:  La Lazio del 1974. Quella di Maestrelli ma anche di Chinaglia, Re Cecconi, Pulici. Giocatori che si prendevano a schiaffi negli spogliatoi e sparavano ai lampioni in ritiro, per poi sfogarsi sugli avversari in campo.

E così non è difficile vedere rientrare in campo Vinnie e compagni, magari dopo un tempo disastroso, pieni di lividi per le botte che si sono dati nell’intervallo o prima della partita. Pessimo segnale per gli avversari, la personale “haka” della Crazy Gang.

Non ci si può stupire se Jones  passa da un eccesso all’altro..

Alterna la classica lite al pub con l’espulsione più veloce della storia del calcio: 3 secondi per aver fratturato una gamba!

Ne collezionerà 12 di espulsioni, un record che gli viene tolto solo da Roy Keane con 13!

Intanto trova il tempo, tra 50 punti di sutura per aver litigato con un buttafuori e una partita dove sostituisce in porta il titolare espulso, di accorciare la carriera a Gary Stevens, nazionale inglese e strizzare i testicoli a Paul Gascoigne, non certo un angioletto.

E giu’ una serie di interventi che gli assicurano il soprannome di “Psycho”, interventi tanto duri e efferati che Vinnie sente il “dovere” di raccoglierli, insieme a quelli di altri suoi “colleghi” come Greame Souness, in nefandezze, in un video, il famigerato “Soccer’s hard Men”, dove elogia la natura maschia del calcio e spiega come si picchia in campo.

Forse è proprio questo video ad aprirgli la strada a Hollywood, insieme una multa di 20mila sterline e sei mesi di squalifica.

IL MATCH PERFETTO

Anche Vinnie, nonostante gli eccessi, ha diritto al suo match perfetto, quella partita che te la giochi al massimo delle tue possibilità, che ti rende orgoglioso.

E stavolta non è sui campi di calcio ghiacciati svedesi o su quelli meno fangosi della Premier League.

Non è una partita giocata segnando un goal pazzesco o maciullando la caviglia di un avversario. Nessun titolo da portare a casa come squadra.

Ma una rivincita sulla vita.

La sua partita perfetta è Tanya, la moglie.

Il suo punto di riferimento, la sua forza interiore.

«E’ convinta che la sua vita sia stata salvata per salvarmi e io sento che è il mio unico ruolo sia badare a lei. Chissà dove sarei senza di lei» dice Vinnie di Tanya.

Il destino però è dietro all’angolo, e sa come prendersi gioco di un rude come lui.

Semplicemente entrando da dietro, in tackle, su di lui, spezzandogli non una caviglia, ma l’anima. Così, a soli 53 anni, nel 2019, la sua Tanya viene a mancare, dopo aver combattuto contro un cancro alla pelle per sei anni.

Sei anni nei quali Vinnie è rimasto vicino a lei, come lei lo è stato con lui, nonostante il carattere difficile.

Vinnie è un muratore e la sua vita è costruita di tanti mattoni, tanta calce e tanta fatica e il palazzo ora sembra traballare per la prima volta.

Ma è anche un duro, un attore, un calciatore. E’ tante cose Vinnie.

«Ho incontrato sempre gente che cercava di buttarmi giù, ma ogni volta ho reagito. Ho giocato per 15 anni e nessuno mi dava il minimo credito ma forse non me lo daranno mai

Ricorda quella scena di “Snatch” dove viene sparato più volte da un cinese il quale, vedendolo sempre in piedi, grida stupito: “Se ti colpisco, devi cadere!

Ecco, la vita non credo abbia  sconfitto Vinnie Jones. Lui si rialza, sempre.

Sono gli altri, spesso, a non farlo.

Vinnie Jones è stato prima un muratore, imprestato al calcio e poi al cinema. O forse il contrario.

Oppure semplicemente Vinnie Jones, “Psycho” per i suoi avversari sul rettangolo verde.

#vinniejones

Compila il form sottostante ed iscriviti alla newsletter de Gli Eroi del Calcio.

Nato a Roma, classe ’68, residente a Ischia. Diplomato Capitano di Lungo Corso, ex sergente Radiotelegrafista M.M. Collaboratore del sito www.acam.it, con pubblicazioni su riviste del settore (Archeologia e Misteri). Autore del sito www.pensolibero.it, Web Writer. Autore di racconti brevi pubblicati in varie antologie come “Dritto al Cuore”, “Lasciami Andare”, “L'Altro”, “Brevi Autori” e “Il Bene o il Male”. Autore dei romanzi “Nel bene, nel male”, “ Genocidio civile” e “Storie di uomini. E di calcio”.

più letti

CONSENSO COOKIE

Copyright © 2019 | GliEroidelCalcio.com testata giornalistica registrata Tribunale di Roma - N° 90/2019 del 20-06-2019
Direttore Responsabile Federico Baranello | Editore Associazione Culturale Calcio, Cultura e Società | info@glieroidelcalcio.com
Sito aderente al Network Sport Review Srl | Privacy Policy | Cookie Policy

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: