Connect with us

le pillole di antonio capotosto

1 aprile…

Published

on

GLIEROIDELCALCIO.COM (Antonio Capotosto)

Fucecchio, la terra di Indro Montanelli. Concittadino del grande giornalista, Manrico Guerrieri, nato il 1°aprile 1922. Cinque presenze in Serie A con la Lucchese e diverse partite tra i cadetti anche con Empoli e Prato.

E oggi avrebbe compiuto ottant’anni Gabriele Guizzo, due apparizioni nel massimo campionato con il Venezia e 49 gettoni in B tra il club lagunare e la Reggina.

Taglia invece il traguardo dei settanta Mauro Di Cicco, che nel torneo cadetto è sceso in campo 302 volte tra Spal, Palermo e Pescara. E con i rosanero è stato finalista di Coppa Italia contro la Juventus nel 1979. E’ poi tornato nel capoluogo siciliano come vice di Bortolo Mutti.

Abbiamo citato all’inizio Indro Montanelli: il 1°aprile 2012 si spegneva a quasi novant’anni Antonio Ghirelli, direttore (anche) di Tuttosport e Corriere dello Sport. “Nel calcio, che rappresentava il piatto forte del suo giornale, egli cercava tutti i contenuti non solo tecnici ma anche umani che i protagonisti sapevano proporre e raccontare”, scriveva Sergio Neri dopo la sua scomparsa.

Quando la sua città di preparava a festeggiare lo storico scudetto lui lasciava la direzione del Tg2 ma l’11 maggio 1987 il Corriere dello Sport ospitò un suo pezzo. Qualche riga: “La festa popolare che ha salutato a Napoli l’impresa della squadra partenopea è servita comunque a dimostrare ancora una volta quale immenso tesoro di energie, di umanità e di fantasia sia nascosto tra le miserie e le angosce della città”.

Nel 1994 fece un articolo sul Guerin Sportivo dopo la positività di Maradona al Mondiale statunitense e riproposte in uno speciale sul ‘Pibe de oro’ della storica rivista aggiornata dopo la sua morte: “Anche se il campionissimo argentino regalasse a me quelle piccantissime rivelazioni, io gli risponderei lo stesso che la verità ultima, la verità più umana sulle maledette pastiglie di Daniel Cerroni, è un’altra. Perché sono matematicamente sicuro, e lo direi a Diego tra una margherita e un bicchiere di Gragnano, che lui quelle pastiglie non le ha prese per curarsi il raffreddore, per dimagrire e neppure per drogarsi. Quelle dannate pastiglie, le ha prese semplicemente perché lui, Diego Armando Maradona, il più grande artista del calcio dopo Di Stefano e Pelé, non sa, non può rassegnarsi al tramonto. Per lui lasciare il calcio, rinunciare al gol, perdere in un’eco lontanissima il grido d’amore della folla, spegnersi senza gloria, è peggio che morire”.

P.S. Antonio Ghirelli da Napoli era nato il 10 maggio…

Compila il form sottostante ed iscriviti alla newsletter de Gli Eroi del Calcio.

Risiedo nel basso Lazio, precisamente nel comune di Itri, cittadina che ha dato i natali a Mario Pennacchia. La mia passione per il calcio forse e' data dalla data di nascita: 7 settembre, come il Genoa, Tomas Skuhravy, Marcel Desailly, Pedro 'Piedone' Manfredini... Per GliEroidelCalcio.com da lettore a collaboratore

più letti

CONSENSO COOKIE

Copyright © 2019 | GliEroidelCalcio.com testata giornalistica registrata Tribunale di Roma - N° 90/2019 del 20-06-2019
Direttore Responsabile Federico Baranello | Editore Associazione Culturale Calcio, Cultura e Società | info@glieroidelcalcio.com
Sito aderente al Network Sport Review Srl | Privacy Policy | Cookie Policy

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: