Connect with us

Storie di Calcio

12 giugno 2002: l’eliminazione dell’Argentina ai Mondiali. Un crollo inatteso

Published

on

12 giugno 2002: l’eliminazione dell’Argentina

Nella rassegna nippo-coreana del 2002, un’eliminazione inaspettata è stata quella dell’Argentina. Dopo aver vinto la prima contro la Nigeria e perso la seconda con l’Inghilterra, l’albiceleste avrebbe dovuto vincere con la Svezia per raggiungere gli ottavi di finale. La squadra di Bielsa scende in campo per ottenere i tre punti e lo fa con Cavallero in porta, difesa composta da Chamot, Samuel, Pochettino, Zanetti. A centrocampo Almeyda, Sorin, Aimar e Ortega e in attacco Claudio Lopez con Batistuta.

Dopo un primo tempo avaro di emozioni e che finisce sullo 0 a 0, la partita si accende nella ripresa e, al 14′, a sorpresa a passare in vantaggio sono gli scandinavi che, con una punizione dalla distanza fa partire una conclusione a giro che supera il portiere della seleccion. Gli argentini provano a segnare ma la rete del pari avviene solo a pochi minuti dal termine. Ortega calcia un rigore, che si era procurato lo stesso, ma lo calcia male e viene parato. Sulla respinta, però, si presenta El Valdanito Crespo che segna. La partita finisce così e l’Argentina esce dai mondiali e non accede agli ottavi, facendo piangere chi allo stadio, chi in piazza e chi davanti alla tv una nazionale intera.

Anche Sivori parla dell’eliminazione

Anche Batistuta, alla sua ultima partita in nazionale, esce dal campo in lacrime. I tifosi indicano come principale colpevole di questa disfatta il ct Bielsa. Tra questi, a rilasciare un’intervista a La Stampa, il giorno dopo è Omar Sivori che commenta così le sue scelte: “Ha sbagliato prima e durante il mondiale. Prima a non provare Batistuta-Crespo, due attaccanti che tutto il mondo c’invidia, poi a non schierarli mai insieme. E’ come se Cuper, nell’Inter non utilizzasse Vieri e Ronaldo in coppia. Una bestemmia calcistica.

Continua così: “Con l’Inghilterra, Bieisa ha avuto paura ed ha dato poco spazio ad Aimar. Con la Svezia ha sbagliato a togliere Sorin, tra i migliori in campo. E s’è visto espellere il panchinaro Caniggia che non aveva senso tenere nel gruppo dopo l’infortunio capitatogli alla vigilia del torneo. Altro errore grave è stato quello di convocare molti “europei” trascurando quelli che giocano in patria. Se siamo fuori è per l’incoerenza dell’allenatore». L’ex Juventus ha poi aggiunto: «Balle. Intanto il Brasile è in piena corsa e quello che esprimono Danimarca e Corea del Sud è un buon football, non è solo corsa. Loro fanno correre il pallone e molto bene”.

Vent’anni fa, un giorno tragico per il popolo argentino.

GLIEROIDELCALCIO.COM (Dentico Davide)

Compila il form sottostante ed iscriviti alla newsletter de Gli Eroi del Calcio.

Trent’anni di amore per il calcio e da dieci che cerco di raccontarlo in tutti i modi. Dalla carta stampata, alla web radio, dai social ai siti web. Una passione unica. Mi piace confrontarmi, dialogare, scrivere, documentarmi e ricordare diversi momenti che hanno reso magnifico questo sport.

più letti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: