Connect with us

Le Penne della S.I.S.S.

Claudio Garella: il nostro ricordo

Published

on

Claudio Garella: il portiere moderno

Il ruolo del portiere nel gioco del calcio ha sempre qualcosa di magico, quasi di irrazionale rispetto al gioco stesso. È l’unico ruolo in cui è permesso l’uso delle mani, fuori dalla logica del calcio che prevede per tutti l’uso dei piedi. Caratteristica, tra l’altro, prima esclusiva ma poi, con lo sviluppo del gioco moderno, richiesta anche agli attuali interpreti del ruolo. Un ruolo che nel corso degli anni ha subito numerose modifiche, forse per questo irrazionale, sia per quanto scritto sopra, sia per le qualità caratteriali degli interpreti, considerando che, in genere, sono considerati “matti”, complice anche l’estrosità di alcuni di loro. Il 1968 segna un solco fondamentale nel modo di essere dei portieri, così come nel pallone in generale, il calcio diventa “totale” e anche gli estremi difensori si adeguano. Sulla scia di quello che furono Jan Jongbloed e Piet Schrijvers nel calcio olandese va ad inserirsi la figura di Claudio Garella, scomparso in queste ore.

Torinese di nascita, dà subito un’impronta personale al ruolo, fuori dai canoni, sicuramente diverso nell’impostazione da Dino Zoff, ma anche da Luciano Castellini e Ricky Albertosi, estrosi nei comportamenti e nel modo di parare.

Non importa come, l’importante è parare

Per Garella il necessario è parare, evitare al pallone di varcare la fatidica linea, il come non conta, e nemmeno lo stile. Passato alla Lazio, questo modo di intendere il ruolo non è compreso, qualche gol balordo subìto consente al mitico Beppe Viola di coniare il termine “garellate” per definire quegli errori. Garella continua la sua carriera, che sembra avviata verso quella di un onesto calciatore dal ruolo di portiere, ma la storia cambia con il suo passaggio a Verona. Qui, al quarto anno di permanenza, stagione 1983/1984, si compie il primo miracolo, diventando campione d’Italia nella squadra assemblata e guidata da Osvaldo Bagnoli.

Il suo modo sghembo di parare, oltre che personale, ha contribuito a far capire la sua efficacia. Il Napoli, che si appresta a diventare grande, lo compra insieme a Diego Armando Maradona, e si compie il secondo miracolo. Diego crea, Garella conserva, nel 1987 gli azzurri sono Campioni d’Italia per la prima volta nella loro storia. Fu il canto del cigno di Garella che, dopo tante soddisfazioni, chiuse la sua carriera passando per Udine e Avellino.

Claudio Garella è stato un epigono in tutto. Ha rappresentato un nuovo modo di parare, in verità unico. Dopo di lui, infatti, un portiere di tale efficacia con quello stile non si è più visto. Inoltre ha anche l’invidiabile record di essere riuscito a vincere due campionati fuori dalle grandi metropoli. Conquistare due scudetti a Verona e Napoli rappresenta un unicum nel nostro calcio. Qualità certificata con la solita vivacità e puntigliosità dialettica da Gianni Agnelli. L'”Avvocato” lo definisce così, con parole con cui noi lo salutiamo: “Garella è il più forte portiere del mondo. Senza mani, però…”.

GLIEROIDELCALCIO.COM (Raffaele Ciccarelli)

 

 

Compila il form sottostante ed iscriviti alla newsletter de Gli Eroi del Calcio.

allenatore di calcio professionista, si dedica agli studi sullo sport, il calcio in particolare, dividendo tale attività con quella di dirigente e allenatore. Giornalista pubblicista, socio Ussi e Aips, è membro della Società Italiana di Storia dello Sport (Siss), dell’European Committee for Sports History (Cesh), dell’Associazione dei Cronisti e Storici dello Sport (La-CRO.S.S.). Relatore a numerosi convegni, oltre a vari saggi, ha pubblicato: 80 voglia di vincere – Storia dei Mondiali di Calcio (2010); La Vita al 90° (2011), una raccolta di racconti calcistici; Più difficile di un Mondiale – Storia degli Europei di Calcio (2012); Il Destino in un Pallone (2014), una seconda raccolta di racconti calcistici; Lasciamoli giocare-Idee per un buon calcio giovanile (Edizioni del Sud, Napoli 2016). Per GliEroidelCalcio in convenzione S.I.S.S.

più letti

CONSENSO COOKIE

Copyright © 2019 | GliEroidelCalcio.com testata giornalistica registrata Tribunale di Roma - N° 90/2019 del 20-06-2019
Direttore Responsabile Federico Baranello | Editore Associazione Culturale Calcio, Cultura e Società | info@glieroidelcalcio.com
Sito aderente al Network Sport Review Srl | Privacy Policy | Cookie Policy

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: