Connect with us

Storie di Calcio

Zbigniew Boniek: “All’Heysel non volevamo giocare, ma ce l’hanno imposto …”

Published

on

Zbigniew Boniek, ex di Widzew Lodz, Juventus e Roma, oltre che nazionale polacco dal 1976 al 1988, ora vicepresidente dell’Uefa, ha rilasciato una lunga intervista al quotidiano spagnolo AS ricordando, tra i vari argomenti trattati, anche alcuni momenti del suo passato.

Di seguito un estratto in chiave storica:

Come ricordi la tua infanzia e come ha forgiato lo stile di gioco?

La mia infanzia è stata molto tranquilla, molto bella, assolutamente normale come quella di tutti i bambini. Ho sempre praticato molti sport, non solo il calcio. Anche pallamano o hockey su ghiaccio. All’età di 12 anni in Polonia dovevi iscriverti a un club sportivo in base alle tue capacità. Il più veloce è andato all’atletica, altri colleghi sono andati al pugilato e io al calcio. Da bambino non mi mancava niente, i miei genitori e mio fratello erano molto bravi.

Ha trionfato soprattutto in Italia. Quella Juventus in cui ha giocato è una delle migliori squadre della storia?

La Juventus era una squadra fantastica fatta di grandi giocatori grazie all’avvocato Gianni Agnelli. Eravamo molto forti e dal 1982 al 1985 siamo stati senza dubbio la migliore squadra del mondo. Non siamo stati bravi solo in campo, ma anche fuori. Eravamo ragazzi intelligenti. Molti adesso occupano posizioni di rilievo come lo era Platini alla Uefa, o io …

Parliamo di Platini, secondo lei avrebbe potuto vincere uno dei tre Palloni d’Oro che ha?

Ha vissuto tre anni straordinari alla Juventus. È stato decisivo ed è stato quello che ha segnato più gol. La sua posizione era fondamentale nella squadra. Era un giocatore brutale, un ottimo compagno di squadra e un grande amico. Se lo meritava assolutamente e in quel momento ero felice per lui.

Tornando a rivedere la tua carriera alla Juventus, vinci la Coppa dei Campioni nella fatidica finale dell’Heysel contro il Liverpool. Cosa resta di tutto ciò?

Mi ha spiazzato. Non volevamo giocare, ma ce l’hanno imposto. Ricordo che abbiamo dovuto aspettare l’arrivo dei rinforzi Nato per l’inizio della partita. Tutti volevamo vincere in modo sportivo, senza tutto quello che è successo. Sarebbe stato speciale per me perché era la mia ultima partita con la Juventus. La prima cosa che ho fatto è stata dare dei soldi a una fondazione per le famiglie delle vittime.

Ti piaceva fumare e si diceva che lo facessi durante le pause. Mito o realtà?

Non l’ho mai fatto. Mi piaceva accendermi una sigaretta ogni tanto, potevo averne una dopo pranzo, ma mai dopo l’attività fisica. Ero sportivo al cento per cento e non ho mai avuto problemi ai polmoni. Ho fumato di tanto in tanto e l’ho fatto per molti anni. Successivamente ho smesso di farlo a causa di tutti i messaggi che dicevano che era molto dannoso per la salute. Tuttavia, non sono mai stato infastidito da quelle invenzioni sul fumo negli spogliatoi. È divertente.

Non so se questo è mito o realtà. Quella fama di giocatore ribelle, difficile per gli allenatori…

Adoro vincere. Sono sempre andato al massimo in qualsiasi partita e non credo sia stato così. Sì, forse qualche discrepanza, come con Ericksson, ma era molto giovane e devo dire che all’inizio soffriva del carisma dei romanisti. Abbiamo avuto attriti. Ma niente di più particolare: alla fine non credo sia mai stato un problema. Quello che vogliono tutti gli allenatori è avere giocatori che ti aiutino a vincere le partite.

Rimpiangi qualcosa nella tua carriera?

Rimpiango di non aver potuto giocare la semifinale dei Mondiali di Spagna ‘82 contro l’Italia per squalifica. Nella partita contro la Russia ho visto un cartellino e ho completato il mio ciclo, ma è una cosa che non sarebbe accaduta ora perché arrivi pulito nella seconda fase. Cambierei anche l’ultima partita del campionato 85-86 contro il Lecce, giocavo nella Roma. Puoi perdere una partita che sembrava impossibile? Potevamo vincere lo scudetto, che sarebbe stato storico. Purtroppo non è successo. Non ci sono mai gare perfette, ci sono sempre prestazioni in cui sai di poter fare meglio.

Coppa del Mondo Spagna 82. E’ stato uno dei momenti salienti. È stato l’apice della sua carriera?

I Mondiali di Spagna del 1982 mi sono rimasti nel cuore e fino ad ora sono sempre felice di ricordare le partite, l’atmosfera meravigliosa e vera dove potevi uscire dopo la partita e fare una passeggiata con i tuoi compagni senza che nessun paparazzo ti seguisse.

Compila il form sottostante ed iscriviti alla newsletter de Gli Eroi del Calcio.

più letti

CONSENSO COOKIE

Copyright © 2019 | GliEroidelCalcio.com testata giornalistica registrata Tribunale di Roma - N° 90/2019 del 20-06-2019
Direttore Responsabile Federico Baranello | Editore Associazione Culturale Calcio, Cultura e Società | info@glieroidelcalcio.com
Sito aderente al Network Sport Review Srl | Privacy Policy | Cookie Policy

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: