Connect with us

La Penna degli Altri

11 novembre 1945, la Nazionale torna in campo dopo la guerra

Published

on

SPORTSENATORS.IT (Luca Marianantoni) – Dopo una sospensione di 3 anni e mezzo per la guerra, torna a giocare la Nazionale italiana impegnata a Zurigo contro la Svizzera. La partita finisce 4-4. Cinque undicesimi della squadra sono esordienti (Sentimenti IV, Ballarin, Maroso, Parola e Castigliano), poi c’è Grezar alla seconda presenza in azzurro, Loik e Mazzola alla terza. I tre senatori reduci dal Mondiale del 1938 sono Ferraris II con 11 presenze, Biavati con 16 e Piola con 31.
La gara ebbe un curioso antefatto. Gli elvetici avrebbero dovuto affrontare la Spagna, ma la squadra diede forfait e allora fu invitata la nostra Federazione, ancora in balia per gli sconvolgimenti della Seconda Guerra Mondiale.
In poche ore venne informato Vittorio Pozzo, che a Torino aveva ripreso il proprio lavoro, ma era ancora nominalmente commissario tecnico in carica. Pozzo provò a obiettare che era impresa disperata tentare di riprendere in quattro e quattr’otto tanti contatti interrotti per improvvisare una formazione in grado di reggere il confronto con gli elvetici. Oltretutto l’unico polso tecnico che aveva in quel momento sottomano, si limitava a Juventus e Torino che Pozzo visionava settimanalmente, nella quasi drammatica difficoltà di viaggiare in quel periodo di macerie. Si dovette convincere però che l’occasione non poteva essere sciupata. A Zurigo Pozzo mandò in campo 7 torinisti, 3 juventini e un intruso, il bolognese Biavati.
E l’improbabile 4-4 con cui si chiuse la partita ebbe un valore di rinascita enorme. In breve tempo l’Italia tornò protagonista a livello internazionale, sebbene la sciagura di Superga avrebbe cancellato un’intera generazione di fenomeni.

Vai all’articolo originale

Compila il form sottostante ed iscriviti alla newsletter de Gli Eroi del Calcio.

più letti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: