Connect with us

Libri

Libri: “Il gioco del calcio e il suo museo”. Highbury e Francia vs Italia 1998

Published

on

GLIEROIDELCALCIO.COM – Pubblichiamo, come preannunciato (vedi intervista con l’autore qui), due piccoli estratti del libro “Il gioco del calcio e il suo museo – Viaggio tra i cimeli che raccontano la storia della Nazionale italiana” di Paolo Serena.

Gli estratti, scelti dall’autore, si riferiscono a Inghilterra – Italia del 1934, i ragazzi di Pozzo saranno ricordati al termine di quella gara come i “Leoni di Highbury, e Francia – Italia del 3 luglio 1998.

Ringraziamo ancora l’autore per averci dato questa possibilità.

Buona lettura.

Il Team de Gli Eroi del Calcio.com

——————-

“Il 10 giugno 1934, alzando al cielo di Roma la Coppa Rimet, gli Azzurri erano diventati la squadra più forte del mondo. O forse no. Perchè c’era una Nazionale che si riteneva talmente superiore rispetto agli avversari da non potersi abbassare a disputare i Mondiali: era l’Inghilterra, la patria degli inventori del football. Solo nel 1950 i maestri inglesi prenderanno parte ad una Coppa del Mondo e non faranno una bella figura, eliminati al primo turno e sconfitti per 1-0 dai dilettanti degli Stati Uniti. Il giorno dopo quella disfatta, i giornali inglesi scriveranno 10-1 nel punteggio finale della partita: non ritenevano possibile lo 0-1 e credevano che gli inviati avessero commesso un errore di battitura…

Torniamo al 1934. Gli inglesi vogliono sfidare i campioni dell’Italia in un’amichevole e anche se gli Azzurri capiscono di avere tutto da perdere – perché agli inventori del football basterebbe quella sola vittoria per fregiarsi idealmente del titolo di squadra più forte del mondo – la sfida è troppo intrigante per essere rispedita al mittente.

Ad Highbury è subito una battaglia (…)”

Il racconto è accompagnato dalla foto della maglia di Giovanni Ferrari ai mondiali del ’34 presente al Museo del Calcio

——————-

“Estate 1998, un caldo pomeriggio francese. L’ambientazione di questa sceneggiatura è l’immenso Stade de France alle porte di Parigi. In una tensione palpabile, che impone di non sbilanciarsi per non rischiare, Italia e Francia si stanno giocando l’accesso a una semifinale mondiale.

Minuto dodici del primo tempo supplementare. Su un lancio dalle retrovie, Roberto Baggio si smarca dietro la linea avversaria e tenta un colpo da autentico fuoriclasse, di pura difficoltà: colpire il pallone d’esterno destro, per consegnarlo in rete e alla storia. La sua carezza alla sfera finisce appena fuori, sospinta lontano dal palo dal sospiro dei tifosi di casa.

Roberto Baggio è stato classe e incanto, gioia da vedere e lacrime, a volte di felicità, a volte di delusione.

Ma in fondo, è meglio così. Perché quella conclusione di Roberto Baggio è come i Prigioni di Michelangelo e la Sagrada Familia: un’incompiutezza talmente soave da renderla, proprio per questo finale amaro, ancora più affascinante.”

Il racconto è accompagnato dalla foto della maglia di Roberto Baggio ai mondiali del ’98 presente al Museo del Calcio

Compila il form sottostante ed iscriviti alla newsletter de Gli Eroi del Calcio.

più letti

CONSENSO COOKIE

Copyright © 2019 | GliEroidelCalcio.com testata giornalistica registrata Tribunale di Roma - N° 90/2019 del 20-06-2019
Direttore Responsabile Federico Baranello | Editore Associazione Culturale Calcio, Cultura e Società | info@glieroidelcalcio.com
Sito aderente al Network Sport Review Srl | Privacy Policy | Cookie Policy

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: