Connect with us

Storie

“Wunderteam – Aranycsapat”

Published on

GLIEROIDELCALCIO.COM (Mario Cantoresi) –

Esiste una dimensione dello sport che è molto diversa da quella violenta, esasperata e superficiale che spesso ci viene mostrata

Per quanto incredibile possa sembrare, è una dimensione che sconfina nella più alta Letteratura, sia per il valore degli atleti sia per i contesti storici ove avvennero imprese e record.
È stato così per Dorando Pietri, per Jesse Owen, per Giuseppe Meazza e per molti altri.
Personalmente ritengo che ogni attività sportiva praticata senza una base culturale, è solo un’effimera manifestazione destinata ad essere ben presto dimenticata.

Anche il Calcio ha avuto un’epoca d’oro, mitologica.
Essa coincise con la fine della Grande Guerra e terminò con l’inizio della Guerra Fredda, ovvero fra il 1920 ed il 1956.
In quell’arco temporale si affermarono sulle rive del Danubio, due grandi scuole di Calcio e di vita che vennero per questo identificate come “La scuola Danubiana”.
Geograficamente ne facevano parte le Nazioni della Mitteleuropa ed in particolare l’Austria non più imperiale ed Asburgica e l’Ungheria Budapestiana colta ed illuminata come poche altre Nazioni al mondo.
Nomi come Arpad Weisz, Bela Guttman, Hugo Meisl, oggi praticamente sconosciuti, furono, prima ancora che uomini di Calcio, fior di intellettuali poliglotti con tanto di lauree in vari campi dello scibile umano.
Negli anni Trenta del Novecento, la Nazionale Austriaca, denominata “Wunderteam”, ovvero “squadra delle meraviglie”, sviluppò un’idea di gioco che ancora oggi è fondamentale nelle disposizioni tattiche dei moderni allenatori.
Il Wunderteam ruotava attorno al suo Capitano, il mitico Matthias Sindelar che fu soprannominato “Mozart” per l’alta maestria della sue giocate.
Sindelar era un uomo di grande coraggio e pagò con la vita il suo rifiuto di giocare con la maglia della Germania Nazista, dopo che la sua Austria venne ingoiata dalla follia Hitleriana dell’Anschluss.

Matthias Sindelar

Matthias Sindelar & Ferenc Puskas

Poco più di vent’anni dopo, lungo il corso dello stesso Danubio, fiume fatale per i destini dell’Europa, i vari Puskas, Grocsic, Kocsis, Hidegkuti, furono gli artefici della nascita della “Grande Ungheria”, ovvero dell’Aranycsapat, “La squadra d’oro”, che trasformò letteralmente l’idea del Calcio.

Quei fantastici ungheresi anticiparono di venticinque anni la mitica squadra olandese di Cruijff & company.
Né il Wunderteam né l’Aranycsapat vinsero mai il Mondiale (all’epoca unico e solo torneo oltre quello Olimpico) ma proprio per questo entrarono nella leggenda.
Le loro sconfitte (probabilmente indotte), modificarono il corso degli avvenimenti storici e furono decisamente più importanti di ogni altra vittoria.
Ancora oggi molti studiosi ritengono che la sconfitta dei Magiari a Berna, nel 1954, fece da incubatrice per la Rivoluzione Ungherese del 1956.

Molti anni più tardi, precisamente il 14 giugno 2016, nella fase finale di una grande manifestazione, il Campionato Europeo, si giocò di nuovo Austria – Ungheria.
Ma quella fu solo una partita di Calcio, una delle tante giocate e di certo fra le meno fascinose.
La grande Letteratura e la grande Storia ricordano nei loro libri ben altro, due nomi e due filosofie di vita:

WUNDERTEAM vs ARANYCSAPAT

 

 

Compila il form sottostante ed iscriviti alla newsletter de Gli Eroi del Calcio.

Laureato in Economia e Commercio all’Università La Sapienza di Roma, è un autore, sceneggiatore e attore teatrale. Mario non ama parlare molto di sé, preferisce spendere le sue parole per i personaggi delle storie che racconta e che porta in scena. Adora due cose in particolare: le scarpe da running e le strade del mondo. Ed è così che trova i suoi incredibili personaggi, o forse, più esattamente, sono loro che vanno a cercare Mario, perché ne percepiscono le affinità elettive. Così facendo egli ruba prezioso spaccati di vita dai suoi viaggi, spaziando dalle Regioni della Mitteleuropa, quella da cui, perdendosi fra le acque dell’amato Danubio, non farebbe mai ritorno, ai tramonti meravigliosi dell’Africa, fino alle grandi distanze della Russia, Nazione che ama e da cui è ricambiato incondizionatamente. Distribuisce poi il “suo bottino” trascrivendo il caleidoscopio di vite, sensazioni ed emozioni, a beneficio dei suoi lettori. Un autore, Mario Cantoresi, capace di toccarti nel profondo e lasciarti qualcosa di unico e prezioso dentro.

Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

più letti

Copyright © 2019 | GliEroidelCalcio.com testata giornalistica registrata Tribunale di Roma - N° 90/2019 del 20-06-2019
Direttore Responsabile Federico Baranello | Editore Associazione Culturale Calcio, Cultura e Società | info@glieroidelcalcio.com
Sito aderente al Network OK!News24.it - Sindimedia Srl P.I 06259740485 | Privacy Policy | Cookie Policy

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: