Connect with us

Gagliardetti & Dintorni di Marco Cianfanelli

Il gagliardetto dell’Argentina: “l’Albiceleste”

Published

on

Il gagliardetto dell’Argentina: “l’Albiceleste”

I neo campioni del Mondo, sin dalla loro prima apparizione alla massima competizione calcistica mondiale, hanno consegnato al capitano avversario il loro gagliardetto costantemente caratterizzato dai colori della maglia Argentina con il bianco e celeste tonalità da cui deriva l’appellativo per eccellenza della selección: “Albiceleste”. 

I capitani di Uruguay e Argentina si scambiano i gagliardetti prima della finale della Coppa RIMET nel 1930

Tali colori derivano da una tradizione strettamente connessa con la lotta per l’indipendenza argentina e la loro adozione nel 1812. Fu un patriota argentino, di origini italiane, il Generale Manuel Belgrano che dopo essersi stanziato nei pressi dell’abitato di Rosario decise di far indossare alle truppe, dapprima una coccarda bianco celeste, per poi adottare questi due colori nel vessillo che pochi giorni dopo venne issato in occasione di una cerimonia militare. 

Il gagliardetto dei Mondiali 1958

Biancoceleste era il gagliardetto che l’Argentina utilizzò ai mondiali del 1958 disputati in Svezia. Una competizione che i sudamericani chiusero in maniera tutt’altro che brillante. Su tale gagliardetto, dal formato senz’altro desueto ma non per questo di un’estetica apprezzabile, sfoggiava il ricamo riguardante la competizione. Il retro del gagliardetto era formato da un prezioso tessuto giallo. 

Lo scambio dei gagliardetti prima della partita Germania – Argentina ai mondiali del 1958

 

Irlanda – Argentina lo scambio dei gagliardetti

Già proprio il giallo il colore protagonista di un evento davvero bizzarro in occasione della partita Germania – Argentina. In quella circostanza, infatti, il fato – tramutatosi in un sorteggio per la casacca da utilizzare – impose all’Argentina di impiegare una divisa diversa da quella principale. Purtroppo la comitiva argentina era del tutto impreparata al cambio di maglia e per ovviare all’inconveniete corse in riparo il Malmoe, società sportiva locale, che concesse all’albiceleste una muta gialla, proprio come il colore del retro del gagliardetto ma, soprattutto, della stessa tonalità del cosiddetto “Sole de Mayo” simbolo che spicca al centro della bandiera argentina. 

GLIEROIDELCALCIO.COM (Marco Cianfanelli)

 

Compila il form sottostante ed iscriviti alla newsletter de Gli Eroi del Calcio.

Originario di Ariccia, nel bel mezzo dei Castelli Romani. Impegnato nel mantenere viva la memoria del calcio studiandone “i colori” che lo contraddistinguono. Studioso di Araldica. Tra i più grandi collezionisti al mondo di gagliardetti. Un sito, www.pennantsmuseum.com , per condividere con i calciofili, italiani ed esteri, il fascino intramontabile dei gagliardetti.

più letti

Copyright © 2019 | GliEroidelCalcio.com testata giornalistica registrata Tribunale di Roma - N° 90/2019 del 20-06-2019
Direttore Responsabile Federico Baranello | Editore Associazione Culturale Calcio, Cultura e Società | info@glieroidelcalcio.com
Sito aderente al Network Sport Review Srl | Privacy Policy | Cookie Policy

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: