Connect with us

Gagliardetti & Dintorni di Marco Cianfanelli

Il gagliardetto dei Cosmos: i cosmopoliti

Published

on

cosmos

Il gagliardetto dei Cosmos

Calcio e business. E’ questa la linea guida su cui si basa l’idea, nel 1970, di due fratelli turchi naturalizzati statunitensi proprietari di una casa discografica nell’orbita del colosso Warner. E con la forza delle ingenti somme messe a disposizione, il Cosmos intendeva porsi come vero unico riferimento del calcio nordamericano. All’epoca alla ricerca di affermazione planetaria. Per far ciò la società arrivò, qualche anno dopo  aver vinto il primo titolo nel 1972 – a dare avvio ad acquisiti di stelle (in decadenza) del calcio mondiale. Tra questi Pelé nel 1975. A “O Rei” seguì poi un altro eroe della Selecao come Carlos Alberto, Long John Chinaglia (il più prolifico cannoniere nella storia del Cosmos) e Beckenbauer.

Una squadra che, tra le altre cose, contribuì a dare significato ad un calcio cosmopolita. Un club riconosciuto, a causa dei tanti calciatori acquistati, come Patria del mondo intero. E vi è da pensare che nello scegliere il nome per il club Clive Toye, primo direttore generale della squadra, abbia proprio pensato a questo. Infatti si riferisce all’accezione Cosmopolitans contratto poi in Cosmos.  

La scelta dei colori

Anche la scelta dei colori non fu casuale. Venne basata sulla precisa strategia di assoldare nelle file del Cosmos il più grande calciatore al mondo dell’epoca, Pelé. Da qui la scelta del verde oro colori presenti nelle insegne brasiliane ed anche richiamata nella parte superiore del gagliardetto in uso negli anni Ottanta. Un bell’esemplare realizzato con standard abbastanza inusuali rispetto a quelli utilizzati da altre squadre statunitensi in quel periodo. Ricamato con lo stemma del club al centro e l’indicazione delle annate dei trionfi nella North American Soccer League – NASL, il gagliardetto veniva “aggiornato” ad ogni vittoria conseguita nel campionato statunitense. Questo esemplare è stato sicuramente in uso tra il 1980 (anno del quarto titolo) ed il 1982. In quell’anno il Cosmos si aggiudicò il suo ultimo titolo nazionale.

1980: i nuovi acquisti della squadra

Nel 1980 nella squadra militava Giorgio Chinaglia che arrivò, nella regular season, a segnare trentadue reti in altrettante partite per poi esplodere ancora nei play off in cui segnò altri sedici tra cui ben sette al malcapitato Tulsa Roughnecks nella gara di andata dei quarti di finale. In quella squadra non c’era più Pelè che aveva terminato la sua carriera nel 1977, ma al suo posto, a fianco a Chinaglia, c’erano giocatori come il “kaiser” Franz Beckenbauer, Carlos Alberto, Johan Neeskens. 

Il Cosmos nel 1980

Il Cosmos nel 1980

GLIEROIDELCALCIO.COM (Marco Cianfanelli)

Compila il form sottostante ed iscriviti alla newsletter de Gli Eroi del Calcio.

Originario di Ariccia, nel bel mezzo dei Castelli Romani. Impegnato nel mantenere viva la memoria del calcio studiandone “i colori” che lo contraddistinguono. Studioso di Araldica. Tra i più grandi collezionisti al mondo di gagliardetti. Un sito, www.pennantsmuseum.com , per condividere con i calciofili, italiani ed esteri, il fascino intramontabile dei gagliardetti.

più letti

Copyright © 2019 | GliEroidelCalcio.com testata giornalistica registrata Tribunale di Roma - N° 90/2019 del 20-06-2019
Direttore Responsabile Federico Baranello | Editore Associazione Culturale Calcio, Cultura e Società | info@glieroidelcalcio.com
Sito aderente al Network Sport Review Srl | Privacy Policy | Cookie Policy

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: