Connect with us

La Penna degli Altri

Ottavio Bianchi: “Mi salvano i ricordi”

Published

on

ILMATTINO – Ottavio Bianchi, come tutti, è alle prese con la quarantena forzata e da Bergamo rilascia una intervista a Il Mattino, di seguito alcune delle sue dichiarazioni:

[…] “Ho già vissuto questa paura di non farcela. Il primo anno a Napoli andai in coma per tre giorni perché non mi avevano curato bene una appendicite che si tramutò in una peritonite perforante. E in quel letto non pensavo mai a cosa avrei fatto una volta che sarei tornato a giocare, ma solo a tornare a vivere alla svelta e a cosa avrei fatto se fossi riuscito a salvarmi».

Come è il mondo visto dalla sua casa di Bergamo?
«È triste. Non solo per quello che vedi. Non c’è nessuno in giro. Ma anche per quello che senti. Tutto intorno sei circondato solo da notizie di morte, di emergenze, di situazioni disperate, di ospedali strapieni che rischiano di non riuscire a curare tutti quelli che vanno lì. Di terapie intensive che scoppiano di persone bisognose. […]

E lei come vive?
«Uscivo a prendere i giornali in edicola rispettando le distanze, evitando contatti ma da qualche giorno Camilla e Tommaso, i miei figli, me lo impediscono. Fanno tutto loro, compresa la spesa. Stanno attenti a me, come tanti figli in questi giorni con i loro genitori vecchietti ed evitano che possa correre anche il più piccolo dei potenziali pericoli. Poi, chiaro, c’è un po’ di fatalismo. Ma non il fatalismo del premier britannico. Quella è follia pura che non capisco come gli inglesi possano tollerare. Bisogna rispettare la salute degli altri e rispettare i provvedimenti delle autorità. Così ognuno di noi fa il proprio dovere».

Il tempo è fermo?
«Mi salvano i ricordi. Quelli di una vita intera. Da tre anni sono vedovo e qualche volta anche il calcio mi aiuta a regalarmi un sorriso. Chissà perché col passare degli anni dimentichi i momenti brutti e ti vengono in mente solo quelli gioiosi. Lo scudetto, la Coppa Uefa con il Napoli. Incredibilmente mi vengono in mente più adesso che nel passato. Napoli mi è rimasta nel cuore, spero che con la creazione della zona rossa la città sia riuscita a non precipitare nella tragedia come qui».

Maradona, lo sa, anche lui vive in isolamento in Argentina per timore del Coronavirus.
«Giusto essere prudenti, non correre rischi, non sfidare la sorte. Con Diego ho vissuto anni straordinari. Passerà indenne anche lui questo momento drammatico della nostra storia». 

[…] La spaventa il dopo?

«Negli anni del dopoguerra vedevo gente arricchirsi in maniera spropositata mentre la maggior parte delle persone comuni soffriva la fame. Non vorrei che quando tutto questo sarà finito ci sia che si approfitti degli altri. Questo non deve succedere». 

 

 

Compila il form sottostante ed iscriviti alla newsletter de Gli Eroi del Calcio.

più letti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: