Connect with us

La Penna degli Altri

Napoli, ti ricordi Piedino Palanca?

Published

on

E’ un Massimo Palanca rammaricato e preoccupato quello che rilascia l’intervista a “Il Mattino”: rammaricato per come è andata la sua carriera che passa dall’essere voluto da tutti alla solitudine e preoccupato ora invece per la situazione di Camerino dopo il terremoto del 2016. È nella cittadina in provincia di Macerata infatti che Palanca aveva un negozio di abbigliamento devastato dal terremoto, una cittadina la cui ricostruzione tarda a partire.

Palanca arrivò al Napoli nell’estate del 1981 per 1,5 miliardi di lire…

“Sì, allora con i miei tiri da calcio d’angolo risolvevo le partite”, le sue parole a “Il Mattino”, “Ne feci tredici prima di arrivare in azzurro e mi hanno dedicato anche un libro per questo. Ecco, adesso avrei bisogno di uno di quei colpi magici per tirar fuori la mia gente da questo momento drammatico».

Di seguito uno stralcio…

Peccato che a Napoli non ha lasciato un ricordo di gol.
«Macché. Appena due e nessuno al San Paolo. Assurdo».

Anche sfortunato: due rigori sbagliati nelle prime due gare in casa. Chissà i tifosi…
«No, i tifosi mi davano coraggio anche dopo gli errori dal dischetto in Coppa Italia prima con la Cremonese e poi con l’Ascoli. Figurati, Massimi’, nun ce pensa’ mi urlavano… Mai contestato, mai una parola contro. Il gol però divenne un incubo. E poi non tutti la pensavano allo stesso modo».

Ecco. I rapporti con Marchesi, il suo allenatore?
«Mi ripeteva di stare tranquillo, perché sarei rimasto io il rigorista. Ci ho creduto, ma al primo rigore in campionato calciò Guidetti. Lì ho sentito il rumore dei vetri in frantumi. Non chiesi nemmeno spiegazioni. Ma la prova che si era rotto tutto la ebbi in Jugoslavia, nella gara di ritorno di Coppa Uefa con il Radnicki Nis. Avevamo fatto 2-2 all’andata e dovevamo vincere: entrai sullo 0-0 ma un delinquente mi diede una ginocchiata dolorosissima. Io continuai nonostante la sofferenza. Finì la gara e Marchesi davanti a tutti mi accusò di non aver chiesto la sostituzione e in pratica mi diede la colpa della qualificazione fallita».

E i compagni?
«Ma no, con loro non c’era invidia. Io ero stato il vice capocannoniere l’anno prima, dietro a Pruzzo e davanti a Pellegrini. Tutti aspettavano i miei gol per lo scudetto, ma purtroppo non si crearono le condizioni per poter dare il mio apporto. Ma con Claudio (Pellegrini, ndr) ci vediamo ancora adesso, perché viviamo non molto distanti. Prima del terremoto i rapporti erano più costanti, ma la bestia non ha lesionato solo le case, ma anche le relazioni sociali. Ha delocalizzato i nostri sentimenti e le nostre amicizie».

Prima stagione al Napoli, nel 1981-1982 e un solo gol. Al Cesena. È l’inizio del tunnel?
«Sì, all’improvviso tutto va storto. L’estate del 1981, a 28 anni, avevo toccato il cielo con un dito quando il ds del Catanzaro Landini mi aveva chiamato per dirmi che avevano raggiunto l’intesa con il Napoli. Incontrai Janich ed ero l’uomo più felice della terra. Non avrei mai lasciato la mia Calabria per un posto dove non ci fosse stato il mare e il sole. Napoli era la grande città, la grande squadra: era un sogno che si realizzava».

Dodici mesi dopo…
«Mi scaricano in serie B. Incredibile, ma vero; l’estate prima avevo mezza serie A che mi cercava e poi finisco a Como. Senza spiegazioni. Vabbé, ricomincio daccapo, chi se ne importa. Firmo per due anni, ma senza saperlo c’è una clausola nel contratto di cessione: una opzione che il Napoli aveva fatto per prendere Galia. A fine anno, Juliano rinuncia a Galia, io apro i giornali e scopro che devo tornare a Napoli. Trovo Santin, mi pare l’uomo giusto per il mio rilancio. Poche settimane e viene esonerato. E chi torna? Marchesi. E lì capisco che sono al capolinea».

E tutti si scordano di lei?
«Tutti. A fine stagione, il Napoli mi lascia a piedi. È l’estate di Maradona, figurarsi se pensano a me. Penso che una squadra, in ogni caso, l’avrei trovata. Macché. Non mi arriva una telefonata, neppure per sbaglio. Chiedo a quelli del Foligno, in C2 di allenarmi con loro perché sono vicino casa. Accettano. Il silenzio continua e allora resto. Finché due anni dopo mi richiama il Catanzaro».

Che storia assurda.
«Dalle stelle alle stalle senza mai capire perché. Il calcio non ha cuore, non ha passione, non ha valori. Tritatutto. Pruzzo quando l’ho incontrato di nuovo se lo chiedeva esterrefatto: ma come è possibile che sei sparito nel nulla? Non sapevo che dirgli».

Il rimpianto?
«Quel gol dalla bandierina che non ho mai segnato al San Paolo. Lo sogno ancora di notte».

Vai all’articolo integrale

Compila il form sottostante ed iscriviti alla newsletter de Gli Eroi del Calcio.

più letti

Copyright © 2023 | GliEroidelCalcio.com testata giornalistica registrata Tribunale di Roma - N° 90/2019 del 20-06-2019
Direttore Responsabile Federico Baranello | Editore Associazione Culturale Calcio, Cultura e Società | info@glieroidelcalcio.com
Sito aderente al Network Sport Review Srl | Privacy Policy | Cookie Policy

%d