Connect with us

La Penna degli Altri

Hugo: “In Italia sono cresciuto come uomo e come giocatore”

Published

on

(TRIBUNAEXPRESSO.PT di Alexandra Simoes De Abreu)

Il sito Tribuna Expresso intervista Hugo, giocatore portoghese che vestì la maglia della Sampdoria sul finire degli anni ’90. Ecco un stralcio.

[…] Com’è stato entrare nel centro benessere di Sampdoria? È stato ben accolto?

[…] “Sono stato accolto molto bene, all’epoca avevamo grandi riferimenti nel calcio, non solo italiano ma anche in tutto il mondo, avevo Mihajlovic come collega, avevo Karembeu, avevo Montella, un grande attaccante che è un allenatore al momento; c’erano altri due internazionali francesi, Boghossian e Pierre Laigle, c’era Verón, erano un’ottima squadra, persone molto forti. […] Mi hanno accolto molto bene, non ho avuto nessun problema. Dal più vecchio al più giovane, andavo d’accordo con tutti loro e tutti mi hanno aiutato”

[…] Ti è piaciuta l’Italia e gli italiani?

[…] “Mi è piaciuto, è stata un’ottima esperienza di vita. Era un paese che mi ha aiutato a crescere a tutti i livelli”.

[…] Che ne dici di Boskov?

[…] “Boskov era stato campione con la Sampdoria nel 1991 e come tale era una persona molto cara e molto rispettata nel club”.

[…] Di quelle tre stagioni in Italia, cosa ti ha maggiormente segnato?

[…] “Sono cresciuto come uomo e come giocatore. Mi sono adattato molto bene alla città e al paese, ho parlato con molte persone, ero abituato a guardare la televisione, soprattutto agli inizi, per migliorare la lingua”.

[…] Storie dall’Italia ne hai da raccontare?

[…] “Ricordo Boskov quando arrivò che era ormai anziano. Diverse volte, mentre ci stavamo allenando, invece di calciare la palla calciava i coni”.

[…] Lasci l’Italia e finisci allo Sporting

[…] Nel mio secondo anno alla Sampdoria, sono stato avvicinato, nel mercato di gennaio, dallo Sporting. All’epoca ho capito che non era quello il momento. […] Nella seconda stagione […] abbiamo iniziato a vivere un po ‘di più quello che era il calcio italiano con Spalletti. Ma in termini di risultati, le cose non sono andate bene. […] All’epoca, David Platt subentrò come allenatore […] e le cose non andarono molto bene. In termini di dirigenza era anche un po ‘traballante. […] Ho pensato che lo Sporting fosse un buon progetto per me”.

Vai all’articolo originale


Foto TRIBUNAEXPRESSO

Compila il form sottostante ed iscriviti alla newsletter de Gli Eroi del Calcio.

più letti

Copyright © 2023 | GliEroidelCalcio.com testata giornalistica registrata Tribunale di Roma - N° 90/2019 del 20-06-2019
Direttore Responsabile Federico Baranello | Editore Associazione Culturale Calcio, Cultura e Società | info@glieroidelcalcio.com
Sito aderente al Network Sport Review Srl | Privacy Policy | Cookie Policy

%d