Connect with us

Storie

1971… quando in Iran le donne potevano giocare a calcio

Published on

GLIEROIDELCALCIO.COM (Giovanni Di Salvo) – Lo scorso 10 ottobre è stata una data storica per il calcio iraniano. Non tanto per la roboante vittoria per 14-0 della nazionale sulla Cambogia (incontro valido per le qualificazioni ai prossimi Mondiali) quanto per la presenza di circa 3.500 tifose sugli spalti dello stadio Azadi di Teheran. Un evento eccezionale dal momento che alle donne era vietato l’ingresso nei campi di calcio dal 1981.

Delle deroghe erano state concesse solamente per eventi di grande portata, come per i mondiali di Russia 2018, dove le donne andarono in trasferta a seguire la nazionale, e per la finale di Champions League asiatica, in cui era impegnato il club iraniano del Persepolis.

Questa “apertura” però “è valida solo per le partite internazionali” ed è avvenuta solamente a seguito delle pressioni fatte dalla FIFA e dall’eco mondiale che ha suscitato la morte di una giovane tifosa dell’Esteghlal, squadra di serie A iraniana militante nella Persian Gulf Pro League, che si è bruciata davanti al tribunale per rivendicare il diritto delle donne di poter entrare allo stadio.

Eppure 48 anni fa le ragazze iraniane potevano addirittura giocare a calcio.

Tanto che nel mese di maggio del 1971 si disputò una doppia amichevole contro le azzurre.

Promotrice di questa iniziativa era stata la Regina d’Iran Farah Diba, che decise di invitare nel suo paese la nazionale di calcio femminile della FFIGC, da poco costituitasi e presieduta da Leandro Franchi.

Il calcio femminile in Iran era stato introdotto nel 1969 da Farvis Abutaleb, che lo aveva scoperto due anni prima durante un viaggio in Giappone. Quest’ultimo, dopo aver radunato un discreto numero di praticanti, aveva allestito a Teheran un mini torneo a cui parteciparono 3 squadre (Taj, Deihim e Afssar) ed era diventato l’allenatore della nazionale.

L’idea aveva riscosso il gradimento della Regina Farah Diba, che l’aveva sostenuta in quanto riteneva che questo sport potesse stimolare e sostenere l’emancipazione della donna iraniana.

La selezione azzurra, partita alla volta di Teheran, era composta da sedici calciatrici ed era guidata dall’Avv. Trabucco. Si giocarono due match, entrambi allo stadio Amjadieh. Nel primo, disputatosi il 7 maggio, l’Italia si impose per 2-0 grazie alle reti segnate nella ripresa da Medri e Bertolo. Altra vittoria delle italiane, questa volta per 5-0 (marcatrici Nonni, Gerwien, autrice di una doppietta, Pesenti e Gualdi), nella partita del 9 maggio.

La comitiva azzurra rientrò il 13 maggio non prima di aver ricevuto tutti gli onori del caso. Infatti le italiane, nel loro ultimo giorno di permanenza, nella mattinata erano state protagoniste di un ricevimento organizzato dall’Ambasciatore Gerolamo Pignatti presso la sede dell’Ambasciata d’Italia. Poi nel pomeriggio furono le ospiti d’onore della Regina Farah Diba all’Imperial Country Club per la gara inaugurale della settima prova professionisti del tennis. Ed infine la sera vi fu una grande festa nella villa del Dott. Giuseppe Panocchia, che ricopriva il ruolo di Primo Segretario dell’Ambasciata.

Per chi volesse approfondire l’argomento:

“Le pioniere del calcio. La storia di un gruppo di donne che sfidò il regime fascista” della Bradipolibri (Prefazione scritta dal CT della nazionale Milena Bertolini)

“Quando le ballerine danzavano col pallone. La storia del calcio femminile” della GEO Edizioni (Prefazione scritta dal Vice Presidente L.N.D. Delegato per il Calcio Femminile Sandro Morgana).

Ingegnere palermitano con la passione per il giornalismo e il calcio femminile. Autore di due libri: "Le pioniere del calcio. La storia di un gruppo di donne che sfidò il regime fascista" e "Quando le ballerine danzavano col pallone. La storia del calcio femminile".

Continue Reading
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

più letti

Copyright © 2019 | GliEroidelCalcio.com testata giornalistica registrata Tribunale di Roma - N° 90/2019 del 20-06-2019
Direttore Responsabile Federico Baranello | Editore Associazione Culturale Calcio, Cultura e Società | info@glieroidelcalcio.com
Sito aderente al Network OK!News24.it - Sindimedia Srl P.I 06259740485 | Privacy Policy | Cookie Policy

WP-Backgrounds Lite by InoPlugs Web Design and Juwelier Schönmann 1010 Wien
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: