Connect with us

La Penna degli Altri

Paolo Benedetti, il talento al quale mancò la Nazionale

Published on

(SPORTMEDIASET.IT di Matteo Dotto)

Sportmediaset realizza un articolo su Paolo Benedetti, centrocampista di Pistoiese e Genoa (tra le altre). Ecco un estratto.

[…] Paolo Benedetti […] comincia la sua carriera da professionista a soli 17 anni nella Lucchese, in C1. Lo lancia e lo valorizza il triestino Marino Bergamasco, vecchio amico e sodale del Paron Nereo Rocco. Due anni in rossonero e poi dalla C2 (dove la Lucchese era scivolata nel ’79) il triplo salto in Serie A. Sempre in Toscana, a Pistoia. La maglia è arancione, la stagione per certi versi storica: la prima (e finora unica) della Pistoiese nella massima serie. Tra i suoi compagni di squadra tre sono a fine carriera ma con importante pedigree: Mario Frustalupi, regista sopraffino vincitore di due scudetti […] ; Mauro Bellugi, arcigno stopper titolare ai Mondiali d’Argentina del ’78; Marcello Lippi. […] Benedetti, da debuttante, fa cose egregie. Firma, per esempio, il primo gol in A della Pistoiese: 21 settembre 1980, seconda giornata, 1-1 contro un’Udinese che pareggia solo all’87esimo con Acerbis. Segnerà 4 reti in tutto nel suo primo torneo di A e tutte portano punti. […] Sotto la guida di Rino Marchesi il Napoli però delude e non va oltre il quarto posto. Benedetti soffre forse il salto dalla tranquilla provincia toscana alla calda metropoli partenopea e così a fine stagione risale la Penisola e approda al Genoa. Rimane tre anni in rossoblù: una sofferta salvezza, una retrocessione e un campionato di B. Ma Benedetti a Genova diventa presto un idolo. [….] La B, anche se a Marassi è un re, gli va stretta. Così nell’estate ’85 torna nella massima serie e passa all’Avellino. Nella prima stagione in Irpinia stabilisce il suo record personale di gol: 5, soltanto Ramon Diaz (con 10) ne segna di più in quell’Avellino. Come a Genova, Benedetti rimane tre anni anche in Irpinia. Nell’estate ’88, con l’Avellino retrocesso, Carletto Mazzone lo chiama a Lecce. […] Genoa, Avellino, Lecce: ovunque Paolino il biondo, dopo gli esordi con Pistoiese e Napoli, ha lasciato grandi ricordi e firmato gol indimenticabili. Per bellezza e/o importanza. […] Zeru tituli in carriera ma numeri comunque importanti: in A 28 reti (quasi tutte belle e mai banali), con il rimpianto di non aver mai vestito l’azzurro della Nazionale A per un “tuttocampista” completo in possesso di corsa e senso tattico, bravo a impostare, a rifinire e a concludere.

Vai all’articolo originale

Compila il form sottostante ed iscriviti alla newsletter de Gli Eroi del Calcio.

Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

più letti

Copyright © 2019 | GliEroidelCalcio.com testata giornalistica registrata Tribunale di Roma - N° 90/2019 del 20-06-2019
Direttore Responsabile Federico Baranello | Editore Associazione Culturale Calcio, Cultura e Società | info@glieroidelcalcio.com
Sito aderente al Network OK!News24.it - Sindimedia Srl P.I 06259740485 | Privacy Policy | Cookie Policy

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: