Connect with us

La Penna degli Altri

Paolo Rossi al Corsera: “Bearzot un uomo non facile… ma gli abbiamo voluto bene”

Published on

Il Corriere della Sera ha intervistato Paolo Rossi, uno degli “Eroi Mundial”, di seguito alcune delle dichiarazioni.

Su Giovan Battista Fabbri: “Il calcio di Fabbri era modernissimo, i difensori dovevano costruire, i terzini attaccare e io ero la punta unica che con i suoi movimenti faceva inserire i centrocampisti […] Fabbri dava gli stessi consigli di un padre. Spesso mi invitava a pranzo a casa sua”.

Su Farina: “Nelle trattative non guardava in faccia nessuno. Ma con me era diverso: “Non ho mai amato nessun giocatore, tranne Paolo”, diceva […] Perché per lui sono stato come un sogno che ha voluto vivere, rubandomi alla Juve. E infatti amava ripetere che “Rossi era diventato Rossi grazie al Vicenza”.

Su Bearzot: “Un uomo non facile. Quando ti parlava non aveva l’aria paterna. Era un po’ rigido. Buono, ma rigido. A volte, poche, ti dava una carezza. Ma più spesso usava il bastone […] era forte e gagliardo se c’era da difenderci all’esterno: noi gli abbiamo voluto bene anche per questo.

La partita vista in TV più emozionante: “La finale Italia-Brasile di Messico 70. Quella mi ha segnato. Avevo 14 anni, ma mi ci sono immedesimato, mi vedevo in campo a giocarla”.

CORRIERE DELLA SERA (Tommaso Pellizzari)

Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

più letti

Copyright © 2019 | GliEroidelCalcio.com testata giornalistica registrata Tribunale di Roma - N° 90/2019 del 20-06-2019
Direttore Responsabile Federico Baranello | Editore Associazione Culturale Calcio, Cultura e Società | info@glieroidelcalcio.com
Sito aderente al Network OK!News24.it - Sindimedia Srl P.I 06259740485 | Privacy Policy | Cookie Policy

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: