Connect with us

Gli Eroi del Collezionismo

Una maglia, una storia… la Roma Barilla 1981/82

Published

on

Questa settimana è il turno di una grandissima maglia dell’A.S. Roma.

per GLIEROIDELCALCIO.COM Enrico Di Mauro

Una bellissima maglia ancora molto “artigianale” prodotta da un negozietto della Montagnola a Roma che si chiamava Playground. Una cosa simile accadeva a Genova con le maglie del Grifone prodotte da “Mauri Sport” un negozio di articoli sportivi.

La Playground realizzò le maglie dei giallorossi anche nella precedente stagione del 1980-81.

Le maglie non si discostano grossomodo da quelle prodotte nella stagione precedente: questa in esposizione è una maglia da trasferta bianca in acrilico pesante.

La maglia è impreziosita dalla grande coccarda in plastica della Coppa Italia vinta l’anno precedente ai calci di rigore contro il Torino (la Roma, peraltro, era già detentrice della Coppa) e dalla comparsa dello storico sponsor commerciale “Barilla”, l’azienda alimentare di Collecchio (Parma) che legherà il proprio marchio a quello dei capitolini per ben 13 anni fino al 1994. Lo sponsor, così come il numero tridimensionale sul retro, è stampato di un colore amaranto. Molto bello il colletto a polo che, insieme ai polsini, richiama i colori sociali giallorossi. A metà della manica destra troviamo cuciti sia il lupetto di Gratton sia l’etichetta della Playground.

Con questo modello di maglia la Roma è scesa in campo in quattro trasferte:

1) Catanzaro-Roma 1-1 sospesa per vento del 13 Dicembre 1981 e recuperata un mese dopo;

2) Fiorentina-Roma 1-0 del 7 marzo 1982;

3) Bologna-Roma 2-0 del 21 marzo 1982;

4) Milan-Roma 1-2 del 4 aprile 1982 giocata sul neutro di Verona.

Il numero 14 è stato utilizzato da vari giocatori in quelle quattro partite, Luciano Spinosi a Catanzaro, Ubaldo Righetti a Firenze, l’ex Cavese Germano Carnevale a Bologna e Carlo Perrone contro il Milan a Verona.

Concludo con un breve focus su quella stagione dei giallorossi: fu conseguito un terzo posto finale alle spalle del duo Juventus e Fiorentina. In buona sostanza vennero gettate le basi per la vittoria del campionato della stagione successiva. Arrivarono giocatori storici come Sebino Nela e Odoacre Chierico; la squadra tuttavia risentì di due gravi infortuni di Ancelotti e Falcao. Certamente fu migliore il girone di andata dove gli uomini di Nils Liedholm andarono a vincere al Comunale di Torino contro la Juve campione d’Italia; nel girone di ritorno la marcia fu meno fluida con le sconfitte inaspettate contro Cesena in casa (fu l’esordio del Principe Giannini), Bologna e Juventus in casa (un vero e proprio rovescio, 0-3). In Coppa delle Coppe i capitolini furono fermati dal Porto agli ottavi di finale mentre in Coppa Italia, la Roma si fece ribaltare dall’Inter poi vincitrice della competizione, dopo aver vinto 4-1 la partita di andata e perso 3-0 il ritorno a Milano.

Compila il form sottostante ed iscriviti alla newsletter de Gli Eroi del Calcio.

Classe 1981, sposato con Federica, svolge la sua attività professionale presso una società multinazionale nel settore “Legale”. Appassionato di calcio con un cuore diviso a metà: la Cavese e il Napoli. Collezionista di maglie preparate/indossate da club italiani e nazionali maggiori negli anni ‘70 e ’80. Per GliEroidelCalcio racconta la sua collezione ...

più letti

CONSENSO COOKIE

Copyright © 2019 | GliEroidelCalcio.com testata giornalistica registrata Tribunale di Roma - N° 90/2019 del 20-06-2019
Direttore Responsabile Federico Baranello | Editore Associazione Culturale Calcio, Cultura e Società | info@glieroidelcalcio.com
Sito aderente al Network Sport Review Srl | Privacy Policy | Cookie Policy

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: