Connect with us

La Penna degli Altri

Australia… qualificazione Mondiali 1966

Published on

PENNANTSMUSEUM.COM – Cinquantacinque anni fa la federazione calcistica australiana tentò di arrivare ai mondiali inglesi disputando un girone di qualificazione che prevedeva la partecipazione di selezioni appartenenti alla Federazione Africana (CAF) e a quella asiatica (AFC), oltre all’Oceania rappresentata, appunto, dall’Australia. Tre continenti avrebbero portato, al termine delle qualificazioni, soltanto una nazionale ai mondiali. Il cammino di quella competizione fu, per certi versi, travagliato e la vincitrice di quella competizione, la Corea del Nord, andò poi ad incrociarsi con gli azzurri all’Ayresome di Middlesborough in quella che è ritenuta la più grande disfatta del calcio italiano.

Le qualificazioni prevedevano quattro turni: i primi due tra contendenti africane per designare le tre squadre ammesse al girone finale. La terza fase, che comprendeva Corea del Nord, Corea del Sud, Australia e Sudafrica (ammessa dall’Africa al girone di Asia – Oceania), si sarebbe dovuta disputare in Giappone ma poi la sede designata fu la Cambogia grazie anche all’assenso del proprio Capo di Stato Norodom Sihanouk. Oltre a questo cambio di programma avvennero altri importanti eventi extra sportivi che determinarono l’esito delle qualificazioni. Il Sud Africa, infatti, venne estromesso dalla competizione per motivi connessi con l’aparthied mentre la Corea del Sud gettò la spugna, apparentemente per motivi di carattere logistico, dopo che la sede della competizione venne spostata in Cambogia. Restavano delle quattro originarie contendenti soltanto Australia e Corea del Nord che si sfidarono in due incontri, disputati alla fine di novembre 1965 a Phnom Penh, terminati con la netta affermazione della nazionale nord coreana.

In quelle circostanze il capitano australiano consegnò al collega asiatico un bel gagliardetto di panno verde con al centro lo stemma caratteristico australiano che presentava uno scudo, affiancato da un canguro e uno struzzo simboli per antonomasia dell’Australia, suddiviso in sei settori a simboleggiare gli altrettanti stati australiani: il primo con la croce di San Giorgio, leone e quattro stelle ad otto punte d’oro (Nuovo Galles del Sud); il secondo blu con le cinque stelle della Croce del Sud d’argento, sotto la corona reale britannica (Victoria); il terzo con la Croce di Malta blu e con la corona reale britannica al centro della croce (Queensland); il quarto con una gazza (Australia Meridionale); il quinto con un cigno nero (Australia Occidentale); il sesto d’argento, con un leone rosso (Tasmania).

Dopo quella vittoria la Corea del Nord si trovò qualificata ai mondiali britannici poiché nel frattempo le nazionali africane, per boicottare la decisione della FIFA di giocarsi a livello intercontinentale la qualificazione ai mondiali, non disputarono la fase preliminare e la CAF minacciò di non partecipare più ai mondiali laddove non fosse stato garantito almeno un posto a partire da Messico ’70.

Vai all’articolo originale

Compila il form sottostante ed iscriviti alla newsletter de Gli Eroi del Calcio.

Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

più letti

Copyright © 2019 | GliEroidelCalcio.com testata giornalistica registrata Tribunale di Roma - N° 90/2019 del 20-06-2019
Direttore Responsabile Federico Baranello | Editore Associazione Culturale Calcio, Cultura e Società | info@glieroidelcalcio.com
Sito aderente al Network OK!News24.it - Sindimedia Srl P.I 06259740485 | Privacy Policy | Cookie Policy

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: